FUTURES IN CALO PER PRIMA VOLTA IN OTTO GIORNI

14 Settembre 2009, di Redazione Wall Street Italia

Si profila una seduta debole per l’azionario americano, con i contratti sui principali indici di Borsa che quando manca mezz’ora all’avvio delle contrattazioni scambiano in ribasso.

Vuoi sapere cosa comprano e vendono gli Insider di Wall Street? Prova ad abbonarti a INSIDER: costa meno di 1 euro al giorno. Clicca sul link INSIDER

Appesantito dal deprezzamento delle materie prime, che spinge al ribasso i colossi minerari e petroliferi, il mercato scambia in flessione per la prima volta in otto giorni. Si fa sentire anche l’impatto negativo delle speculazioni secondo cui il mercato sia salito troppo se confrontato con la crescita degli utili societari e della prospettiva di una guerra commerciale tra Stati Uniti e Cina.

Nei giorni scorsi, Washington ha imposto tariffe piu’ severe sui pneumatici prodotti in Cina, mentre Pechino ha annunciato che avviera’ un’indagine anti-dumping sulle vendite di pollo e prodotti auto Usa. Sulla scia di tali notizie, Double Coin Holdings ha perso nettamente terreno a Shanghai, mentre la Borsa di Tokyo ha chiuso in netto ribasso.

Ad un anno dal crac di Lehman Brothers, il presidente Obama terra’ un intervento sulla crisi finanziaria intorno a Wall Street, alle 18 italiane circa, nell’ambito del piano al vaglio della Casa Bianca per ridefinre la riforma del sistema bancario. Previsti inoltre gli interventi in materia di politica monetaria di tre esponenti della Federal Reserve.

Sul fronte societario sotto i riflettori Sprint Nextel dopo che, secondo le ultime indiscrezioni, Deutsche Telekom ha manifestato interesse nell’acquisto dell’azienda tlc. Nessuna delle due societa’ ha voluto confermare per ora l’articolo apparso sul Daily Telegraph. Da ieri Johnson & Johnson e’ in trattative per limare di circa $100 milioni il prezzo di $1.5 miliardi per l’acquisto di Elan, dopo la sentenza di un giudice federale.

Sugli altri mercati, nel comparto energetico arretrano le materie prime. I futures con consegna ottobre cedono $0.56 a $68.73 al barile. Sul valutario, l’euro si indebolisce leggermente nei confronti del dollaro a quota $1.4558. In flessione l’oro, con i futures con scadenza dicembre in calo di $6.80 a $999.60. In ribasso i prezzi dei Titoli di Stato Usa: il rendimento sul Treasury a 10 anni e’ salito al 3.3900% dal 3.3430% di venerdi’.

Alle 15:00 (le 9:00 ora di New York) il contratto future sull’indice S&P500 e’ in contrazione di 7.60 punti (-0.73%) a 1029.70.

Il contratto sull’indice Nasdaq 100 segna -12.00 punti (-0.71%) a 1671.50.

Il contratto sull’indice Dow Jones e’ in calo di 63 punti (-0.66%) a 9468.00.