FUTURES: I MERCATI DANNO UNA PROVA DI FORZA

di Redazione Wall Street Italia
17 Giugno 2005 15:00

A mezz’ora dall’apertura delle borse, i contratti sugli indici Usa sono sostanzialmente stabili in terreno positivo.

Non hanno sortito reazioni di rilievo gli ultimi dati sulla bilancia delle partite correnti. Nel primo trimestre 2005 il deficit nei confronti dell’estero e’ salito al livello record di $195.1 miliardi. Il consensus del mercato era per un valore di $190 mld.

Intanto cresce l’attesa degli operatori per i dati preliminari di giugno sulla fiducia dei consumatori (fiducia Michigan), in calendario alle 15:45 ora italiana. L’indicatore e’ seguito molto da vicino dal momento che i consumi contano per i due terzi dell’economia americana.

Alcuni commentatori osservano come i mercati questa settimana abbiano dato una prova di forza, riuscendo a guadagnare terreno nonostante i continui aumenti dei prezzi petroliferi. Gli investitori, a loro giudizio, hanno preferito porre maggiore attenzione ad alcuni indicatori economici chiave, come l’indice dei prezzi al consumo e alla produzione.

Si tratta di due grandezze “osservate speciali” dalla Fed per le decisioni di politica monetaria. Il fatto che l’inflazione sia sotto controllo ha ridimensionato le preoccupazioni di mosse aggressive della Banca Centrale Usa sulla via delle strette creditizie.

Passando alla cronaca societaria, in giornata pubblichera’ la trimestrale il colosso retail dell’elettronica Circuit City. Ancora sotto i riflettori Morgan Stanley: il Wall Street Journal riporta che la banca d’affari starebbe riconsiderando il piano di effettuare uno spin off dell’unita’ delle carte di credito Discover.
Una bnca d’affari ha espresso giudizi negativi sui colossi dell’auto GM e Ford. Bank of America ha annunciato che acquistera’ la banca cinese China Construction Bank per $3 miliardi.

Vedi decine di small e medium cap in forte crescita segnalate da
WSI nella rubrica Titoli Caldi, una delle 11 sezioni in tempo reale
riservate agli abbonati a INSIDER. Se non sei gia’ abbonato, clicca sul
link INSIDER

Sugli altri mercati, sono in lieve ribasso i titoli di Stato. Il rendimento sul Treasury a 10 anni e’ al 4.09% contro il 4.07% della chiusura di giovedi’. L’oro e’ in progresso di $1.8 a $439.7 all’oncia, il petrolio guadagna 80 centesimi a $57.38 al barile e l’euro viene scambiato a 1.2180 contro il dollaro.

Alle 15:00 (le 9:00 ora di New York) il contratto future sull’indice S&P 500 e’ in progresso di 3.1 punti (+0.25%) a 1218.8 punti.

Il contratto sull’indice Nasdaq 100 avanza di 6 punti (+0.39%) a 1553 punti.

Il contratto sull’indice Dow Jones e’ in rialzo di 30 punti (+0.29%) a 10635 punti.