FUTURES: I CONTRATTI USA LIMANO I GUADAGNI

di Redazione Wall Street Italia
20 Settembre 2005 15:00

A mezz’ora e mezza dall’apertura delle borse, i contratti sugli indici Usa sono positivi, ma in flessione rispetto alla rilevazione precedente.

Alcune vendite sono scattate in seguito alla pubblicazione dei dati deludenti dal settore immobiliare. Nel mese di agosto i nuovi cantieri edili negli Stati Uniti sono scesi dell’1.3%. Il valore annualizzato si attesta a 2.01 milioni di unita’. Le attese degli analisti erano per un calo a 2.025 milioni. Le licenze di costruzione sono calate del 2.2% a 2.124 milioni di unita’, dai 2.171 mln di luglio.

Dopo lo scivolone di lunedi’, sui mercati americani tornano pero’ gli acquisti, favoriti dal calo del petrolio. Il prezzo del greggio in questo momento cede 90 centesimi a $66.49 al barile. Lunedi’ il petrolio ha registrato un’impennata record, guadagnando $4.39.

I recenti acquisti sul mercato del greggio sono stati alimentati dalle preoccupazioni per la tempesta tropicale Rita (appena divenuta uragano di categoria 1), che minaccia di colpire il Golfo del Messico. Alcuni impianti petroliferi ieri sono stati fatti evacuare. Ricordiamo che la regione e’ gia’ stata duramente colpita il mese scorso dall’uragano Katrina.

L’attenzione degli investitori oggi e’ pero’ concentrata sulla Federal Reserve. Alle 20:15 ora italiana il Federal Open Market Committee (FOMC), braccio operativo della Fed, annuncera’ le decisioni sui tassi d’interesse. Le attese sono per un aumento del costo del denaro al 3.75%.

I dubbi riguardano soprattutto la possibilita’ che la Fed cambi il linguaggio del documento ufficiale che accompagna la decisione sui tassi, lasciando intendere che potrebbe decidere di sospendere la serie di strette creditizie iniziata a giugno 2004. Un simile scenario, giustificato dai recenti segnali di rallentamento economico e dai costi ingenti per l’economia dell’uragano Katrina, secondo gli esperti dovrebbe avere un effetto positivo sulle borse e sui bond.

Passando al fronte societario, si sono rivelati nettamente migliori delle attese gli utili trimestrali della catena di negozi di elettronica Circuit City e della banca d’affari Goldman Sachs. Sotto i riflettori anche PepsiCo: le indiscrezioni riferiscono che il colosso delle bibite sarebbe ancora interessato al gruppo alimetare francese Danone
.

Vedi decine di small e medium cap in forte crescita segnalate da
WSI nella rubrica Titoli Caldi, una delle 10 sezioni in tempo reale
riservate agli abbonati a INSIDER. Se non sei gia’ abbonato, clicca sul
link INSIDER

Sugli altri mercati, sono in ribassoi titoli di Stato. Il rendimento sul Treasury a 10 anni e’ al 4.27% contro il 4.24% della chiusura di lunedi’. L’oro guadagna $1 a $471.4 e l’euro viene scambiato a 1.2147 contro il dollaro.

Alle 15:00 (le 9:00 ora di New York) il contratto future sull’indice S&P 500 avanza di 1.4 punti (+0.11%) a 1239.4 punti.

Il contratto sull’indice Nasdaq e’ in rialzo di 3 punti (+0.19%) a 1605 punti.

Il contratto sull’indice Dow Jones cede 14 punti (+0.13%)a 10620 punti.