FUTURES: GOOGLE TRASCINA AL RIBASSO L’HI-TECH

1 Febbraio 2006, di Redazione Wall Street Italia

A circa un’ora e mezza dall’apertura delle borse, i contratti sui principali indici Usa sono negativi.

A pesare sulle contrattazioni del preborsa e’ la deludente trimestrale di Google che, per la prima volta dal debutto al Nasdaq (agosto 2004), ha riportato risultati finanziari inferiori alle attese degli analisti. Il celebre motore di ricerca ha riportato ricavi in linea con le attese, ma gli utili per azione si sono collocati ad un livello inferiore di ben 23 centesimi rispetto a quello stimato. Nell’after hour di martedi’ il titolo e’ arrivato a perdere oltre il 15% a quota $364. La banca d’affari UBS ne ha rivisto al ribasso il rating da Buy a Neutral.

A contribuire al tono negativo della mattinata e’ anche la possibilita’ di futuri aumenti del costo del denaro, da come si e’ appreso ieri dal documento rilasciato dal Fomc in seguito alla riunione sui tassi. Nell’ultimo meeting che ha visto Alan Greenspan nel ruolo di presidente, la Banca Centrale americana ha optato per un nuovo rialzo dei tassi a breve, portandoli al 4.50%.

Ha pero’ evidenziato che, per mantenere sotto controllo le pressioni inflazionistiche, potrebbero essere necessari nuovi aumenti del target sui fed funds, deludendo coloro che credevano in un vicino stop del ciclo rialzista iniziato nel giugno 2004.

Ritornando al fronte societario, e’ risultata positiva la trimestrale di Time Warner, particolarmente grazie al business della Tv via cavo. In giornata sono attesi i numeri di Amazon.com, Boeing e Starbucks.

I dati in calendario riguardano la spesa per le costruzioni di dicembre e l’indice ISM manifatturiero. Entrambi verranno rilasciati alle 16:00 ora italiana. Mezz’ora piu’ tardi l’attenzione si spostera’ sul comparto energetico, con il consueto rilascio del dato sulle scorte di petrolio. Intanto i contratti futures con scadenza marzo sono in leggerissimo calo (-$0.05) a quota $67.87.

Vedi decine di small e medium cap in forte crescita segnalate da
WSI nella rubrica Titoli Caldi, una delle 8 sezioni in tempo reale
riservate agli abbonati a INSIDER. Se non sei gia’ abbonato, clicca sul
link INSIDER

Sugli altri mercati, invariati i titoli di Stato: il rendimento sul Treasury a 10 anni e’ al 4.53%. L’oro arretra di $2.90 a $572.60 all’oncia e l’euro viene scambiato a 1.2106 contro il dollaro

Alle 14:00 (le 8:00 ora di New York) il contratto future sull’indice S&P 500 arretra di 2 punti a 1281.60 punti.

Il contratto sull’indice Nasdaq e’ in rialzo di 15.5 punti a 1704.00.

Il contratto sull’indice Dow Jones e’ invariato a 10860.