FUTURES: CONTRATTI USA SULLA LINEA DI PARITA’

di Redazione Wall Street Italia
21 Giugno 2005 14:00

Dopo la pausa di riflessione di lunedi’, i contratti sugli indici Usa sono sulla lina di parita’.

La situazione sui mercati rimane ancora molto incerta. Gli indici non sono in grado di prendere una precisa direzione e gli investitori sono in attesa di alcuni segnali rilevanti che possano fornire ulteriori informazioni sullo situazione economica americana. In assenza di dati economici, l’attenzione degli operatori continua ad essere focalizzata sull’andamento dei prezzi energetici e su eventuali sviluppi societari.

Il petrolio resta sempre l’osservato speciale del momento. Nella prima mattinata il greggio sta cedendo parte dei guadagni realizzati nelle scorse giornate. In questo momento il future con scadenza luglio e’ arretrato di 40 centesimi a $58.97 al barile.

Nella giornata di lunedi’ il contratto sul petrolio ha esteso il rally iniziato la scorsa settimana segnando un nuovo massimo storico di $59.52 e chiudendo la seduta in progresso di 90 centesimi a quota $59.37 al barile.

Ad innescare il consistente rialzo del greggio sono stati in primo luogo i disordini politici verificatisi in Nigeria, uno dei principali Paesi fornitori degli Stati Uniti. Hanno contribuito al rialzo anche le paure relative ad una probabile insufficienza di output, che secondo gli esperti non sara’ in grado di soddisfare la domanda, soprattutto con l’avvicinarsi della stagione estiva, periodo dell’anno in cui aumenta il consumo di benzina.

Non sono state sufficienti ad arrestare la corsa del petrolio neanche le ultime dichiarazioni dell’OPEC, che si e’ dimostrata disponibile ad un aumento della produzione. Sara’ interessante seguire l’andamento dei prezzi energetici in seguito alla comunicazione del dato sulle scorte di petrolio che sara’ comunicato domani.

Passando alla cronaca societaria, ancora sotto i riflettori le operazioni di fusione e acquisizione. Il colosso cinese di apparecchiature elettronice Haier e due societa’ private hanno avanzato un’offerta di acquisto per il gruppo retail Maytag. L’operazione dovrebbe aggirarsi intorno a $1.28 miliardi.

Sempre in ambito di mergers & acquisition, CNOOC, la terza societa’ energetica cinese, sta valutando una proposta di acquisto per Unocal. La societa’ potrebbe offrire $20 miliardi. Nel caso l’affare si dovesse concludere, si tratterebbe dell’acquisizione piu’ dispendiosa mai realizzata da un gruppo cinese oltreoceano.

Nel comparto Internet, Ebay ha lanciato un nuovo sito con l’intento di offrire supporto agli sviluppatori di applicazioni online che potrebbero essere utilizzate sul portale o sul servizio di pagamento PayPal.

Vedi decine di small e medium cap in forte crescita segnalate da
WSI nella rubrica Titoli Caldi, una delle 11 sezioni in tempo reale
riservate agli abbonati a INSIDER. Se non sei gia’ abbonato, clicca sul
link INSIDER

Sugli altri mercati, sono in lieve ribasso i titoli di Stato. Il rendimento sul Treasury a 10 anni e’ invariato al 4.11%. L’oro e’ in calo di $3.5 a $436.5 all’oncia e l’euro viene scambiato a 1.2090 contro il dollaro.

Alle 14:00 (le 8:00 ora di New York) il contratto future sull’indice S&P 500 e’ in ribasso di 1.20 punti (-0.10%) a 1219 punti.

Il contratto sull’indice Nasdaq 100 arretra di 1 punt0 (-0.06%) a 1544 punti.

Il contratto sull’indice Dow Jones e’ in ribasso di 11 punti (-0.08%) a 10624 punti.