FUTURES: CONTRATTI POSITIVI MA OCCHI PUNTATI SULLA FED

di Redazione Wall Street Italia
30 Giugno 2005 13:50

A quasi due ore dall’apertura delle borse i contratti sugli indici Usa sono positivi.

L’attenzione dei mercati e’ concentrata sul Fomc. Alle 20:15 ora italiana il braccio operativo della Federal Reserve rendera’ note le decisioni sui tassi d’interesse. Gli operatori danno per scontato un aumento del costo del denaro dello 0.25% (il nono consecutivo) al 3.25%.

Molta attenzione, come sempre, sara’ prestata alle singole parole contenute nel documento ufficiale che accompagna la decisione. In particolare, osservato speciale sara’ di nuovo il termine “measured”, con cui la Fed ha indicato di procedere sulla strada delle strette creditizie.

Gli ultimi dati economici, e lo stesso Greenspan, hanno evidenziato tuttavia che l’inflazione appare sotto controllo quindi non si dovrebbero verificare delle accelerazioni sulla politica monetaria restrittiva.

Relativamente alla robustezza della ripresa economica, ulteriori aggiornamenti arriveranno in mattinata con il dato sul mercato del lavoro e quelli sul reddito personale e spese al consumo, in calendario per le 14:30 ora italiana. Le attese sono per un aumento dei sussidi di disoccupazione a 325.000, con riferimento alla settimana conclusasi il 25 giugno, un incremento del reddito pari al 3% e un leggero rialzo dello 0.1% per le spese al consumo. Alle 16:00 sara’ la volta del Chicago PMI del mese di giugno: gli analisti si aspettano una lieve flessione a quota 54 punti dai precedenti 54,1.

Spunti positivi continuano ad arrivare dal comparto energetico. Il prezzo del greggio sta diminuendo ed in mattinata e’ passato sotto i $57. In questo momento il contratto future con scadenza agosto cede 41 centesimi a quota $56.85 al barile.

Ricordiamo che nella giornata di mercoledi’, il dato sulle scorte e’ risultato sorprendentemente in aumento. Nella settimana conclusasi il 24 giugno le scorte di greggio sono salite di 1.1 milioni di barili (contro le attese di un calo di 1.4 milioni di unita’); in crescita anche le scorte di benzina e quelle di distillati.

Relativamente alle notizie societarie, ancora in evidenza le operazioni di mergers & acquisitions. Bank of America, la seconda banca d’affari americana, ha annunciato che acquisira’ MBNA Corp. per un valore di circa $35 miliardi. L’affare, che dovrebbe concludersi nel quarto trimestre dell’anno in corso, permettera’ al gruppo finanziario di rientrare tra le prime societa’ statunitensi nell’offerta di carte di credito. Nel preborsa il titolo cede il 3%.

Dopo tre mesi dalle dimissioni “forzate” di Harry Stonecipher (l’ex CEO di Boeing), il colosso aerospaziale ha nominato, in mattinata, James McNerney Jr. nuovo chief executive e presidente della societa’. Il titolo guadagna il 2.56%

Vedi decine di small e medium cap in forte crescita segnalate da
WSI nella rubrica Titoli Caldi, una delle 11 sezioni in tempo reale
riservate agli abbonati a INSIDER. Se non sei gia’ abbonato, clicca sul
link INSIDER

Sugli altri mercati, sono in lieve ribasso i titoli di Stato. Il rendimento sul Treasury a 10 anni e’ salito al 3.99% dal 3.98% di mercoledi. L’oro e’ in ribasso di $0.5 a $438.1 all’oncia e l’euro viene scambiato a 1.2087 contro il dollaro.

Alle 14:50 (le 8:50 ora di New York) il contratto future sull’indice S&P 500 e’ in rialzo di 2.90 punti (+0.24%) a 1205.80 punti.

Il contratto sull’indice Nasdaq 100 avanza di 4.5 punti (+0.30%) a 1516 punti.

Il contratto sull’indice Dow Jones e’ in progresso di 36 punti (+0.35%) a 10419 punti.