FUTURES: CONTINUA A SOFFRIRE IL COMPARTO HI-TECH

28 Ottobre 2005, di Redazione Wall Street Italia

A un’ora e mezza dall’apertura delle borse, i contratti sugli indici Usa sono contrastati

Continua a soffrire il comparto tecnologico (ieri il Nasdaq ha ceduto l’1.73%) appesantito dalla deludente trimestrale di Microsoft. Il colosso di Redmond ha riportato nell’after hour di giovedi’ vendite leggermente inferiori rispetto alle stime di Wall Street e fissato un target sui ricavi, per il trimestre in corso, al di sotto delle previsioni.

Tra le societa’ che comunicheranno i risultati di bilancio in giornata, gli investitori si focalizzeranno particolarmente su MetLife, la piu’ larga compagnia statunitense di assicurazioni sulla vita, e Chevron, il colosso petrolifero, secondo solo ad Exxon Mobil.

Per quanto riguarda gli appuntamenti economici, alle 14:30 verranno comunicati i dati sul Prodotto Interno Lordo del terzo trimestre (dato preliminare; consensus aumento del 3.6%) e l’Employment Cost Index. Alle 15:45 sara’ reso noto il dato sulla fiducia dei consumatori stilato dall’Universita’ del Michigan. Le stime degli economisti sono per un leggero aumento a quota 76 punti.

Nel comparto energetico, sono invariate le quotazioni sul petrolio. Il contratto futures con scadenza dicembre viene scambiato a quota $61.09. Ricordiamo che nella sessione di giovedi’ il greggio e’ avnzato su alcune preoccupazioni relative all’incremento della domanda mentre ci inoltriamo nella stagione invernale.

Vedi decine di small e medium cap in forte crescita segnalate da
WSI nella rubrica Titoli Caldi, una delle 10 sezioni in tempo reale
riservate agli abbonati a INSIDER. Se non sei gia’ abbonato, clicca sul
link INSIDER

Sugli altri mercati sono invariati i titoli di Stato. Il rendimento sul Treasury a 10 anni e’ al 4.56%. L’oro cede 70 centesimi a $474.9 all’oncia e l’euro viene scambiato a 1.2140 contro il dollaro.

Alle 14:00 (le 8:00 ora di New York) il contratto future sull’indice S&P 500 e’ in rialzo di 2.50 punti (+0.21%) a 1185 punti.

Il contratto sull’indice Nasdaq arretra di 1 punto (-0.06%) a 1554 punti.

Il contratto sull’indice Dow Jones segna un ribasso di 24 punti (+0.23%)a 10276.