FUTURES: ARRIVANO I BUY GRAZIE A CITIGROUP

18 Luglio 2008, di Redazione Wall Street Italia

Sono in rialzo a New York i futures di Borsa, sospinti da Citigroup che guadagna l’8,7% a 19,53 dollari dopo i dati della trimestrale. Il contratto sul Dow Jones guadagna lo 0,4% a 11.442,0 punti, quello sullo S&P 500 lo 0,5% a 1.259,7; il future sul Nasdaq-100 sale di circa lo 0,1% a 1.840,5. Merrill Lynch perde il 3,8% a 29,55 dollari. Google lascia sul terreno nel pre-Borsa il 7,6% a 493 dollari. Microsoft perde il 4,8% a 26,2 dollari.


I conti di Citigroup sono riusciti almeno per ora a controbilanciare le delusioni venute invece da altre trimestrali societarie di primo piano. Merrill Lynch ad esempio perde il 3,8% a 29,55 dollari dopo aver riportato perdite per 4,65 miliardi di dollari (la comunicazione è avvenuta ieri dopo la chiusura di Borsa) mentre le svalutazioni sono ammontate a 9,7 miliardi, molto peggio rispetto alle stime. Google a sua volta lascia sul terreno nel pre-Borsa il 7,6% a 493 dollari in quanto l’ utile per azione è stato di 3,92 dollari contro i 4,73 dollari preventivati da alcuni analisti. Microsoft perde invece il 4,8% a 26,2 dollari in quanto i profitti relativi al secondo trimestre sono stati leggermente al di sotto delle aspettative.

Oggi torna inoltre ad essere sotto pressione Freddie Mac, -3,8% a 11,34 dollari sempre nel pre-Borsa, come conseguenza delle indiscrezioni relative alla necessità da parte del colosso dei mutui di rastrellare circa dieci miliardi di dollari di liquidità. Fra gli altri titoli, bene Barr Pharmaceuticals, +6,7% a 60,99 dollari in quanto la società è stata acquisita dalla rivale Teva per circa 7,46 miliardi di dollari. Teva a sua volta cede invece il 4,4% a 39,25 dollari.