FUTURES ANCORA IN ROSSO, POCO SUPPORTO DAI DATI

12 Aprile 2007, di Redazione Wall Street Italia

A mezz’ora dall’apertura delle borse i contratti sugli indici Usa continuano a trattare sotto la linea di parita’ (vedi quotazioni a fondo pagina) il che lascia prevedere un avvio in rosso per i listini azionari.

A mettere pressione nel preborsa sono le ultime indicazioni della Banca Centrale Usa che hanno risvegliato i timori sui rischi inflazionistici e sul conseguente, possibile rialzo dei tassi d’interesse, proprio quando gli investitori iniziavano ad apprezzare la possibilita’ di un vicino taglio del costo del denaro. E un campanello d’allarme e’ stato suonato in mattinata anche dalla BCE che ha sottolineato come lo scenario dei prezzi di Eurolandia presenta rischi al rialzo nel medio termine.

Negativi anche i segnali giunti dal fronte macroeconomico. Nel mese di marzo i prezzi all’importazione hanno registrato un rialzo dell’1.7%, nettamente oltre le attese degli economisti pari a +0.8%. Peggiori delle attese anche i numeri sulle richieste di sussidio da parte dei senza lavoro, salite di 19 mila unita’ nell’ultima settimana a quota 342 mila (consensus 320 mila).

A pesare sul sentiment degli operatori sono anche le aspettative sui risultati trimestrali delle aziende e sulle prospettive di crescita futura. Le stime riportano di una crescita media degli utili, per le societa’ facenti parte dell’indice S&P500, di circa il 4%, ben al di sotto del tasso a doppia cifra a cui ci eravamo abituati negli ultimi 4 anni.

Nella giornata di ieri, la societa’ finanziaria MGIC Investments ([[MTG]]) e l’azienda hi-tech Research In Motion ([[RIMM]]) (nota per la tecnologia BlackBerry) hanno deluso le attese degli analisti. Dura la risposta del pubblico investitore: RIMM cede quasi 7 punti percentuali nel preborsa.

Alcune note positive emergono dal settore retail. Wal-Mart ([[WMT]]), Dillards ([[DDS]]), e Gap ([[GPS]]) tra le altre hanno riportato risultati migliori delle attese. Tuttavia, la diversa posizione in calendario delle festivita’ pasquali rispetto allo scorso anno potrebbe inficiare sui risultati del mese in corso.

Hai mai provato ad abbonarti a INSIDER? Scopri i privilegi delle informazioni riservate, clicca sul
link INSIDER

Nel comparto energetico, il petrolio sta estendendo i guadagni in mattinata. Nelle contrattazioni elettroniche i futures con consegna maggio segnano un progresso di 67 centesimi a $62.68 al barile.

Sul valutario l’euro e’ in progresso sul dollaro a quota 1.3458. In lieve ribasso l’oro: i contratti sul metallo prezioso arretrano di 30 centesimi a $681.40 l’oncia. In leggero rialzo i titoli di Stato Usa: il rendimento sul Treasury a 10 anni e’ sceso al 4.71%.

Alle 15:00 (le 9:00 ora di New York) il contratto future sull’indice S&P500 e’ in ribasso di 3.10 punti (-0.21%) a 1445.50

Il contratto sull’indice Nasdaq 100 segna -4.75 punti (-0.26%) a 1808.00.

Il contratto sull’indice Dow Jones e’ in calo di 20 punti (-0.17%) a 12533.