FUTURE USA OTTIMISTI SULLA FED

25 Giugno 2003, di Redazione Wall Street Italia

A tre ore dall’inizio delle contrattazioni a Wall Street, i future sugli indici Usa sono tutti moderatamente positivi.

La giornata di oggi e’ ovviamente destinata a dividersi in due parti: prima e dopo la decisione del FOMC, il braccio operativo della Fed. Secondo i dati di chiusura di ieri a Chicago, il mercato sconta al 100% un taglio di un quarto di punto e al 52% (probabilita’ condizionata) un taglio di 50 punti base.

Il vero spartiacque non sara’ comunque dettato dall’entita’ del taglio ma dal commento che accompagnera’ la decisione. Se il mercato dovesse percepire la mossa di oggi come la fine di un ciclo, potrebbero scatenarsi le vendite sui titoli di Stato. Al contrario se la sensazione sara’ quella di un’economia in forte difficolta’ con la Fed senza piu’ munizioni per stimolarla, l’effetto potrebbe essere opposto.

Prima della decisione del FOMC, attesa per le 20,15 ore italiane, saranno comunicati tre diversi dati, tutti relativi al mese di maggio: ordini beni durevoli, vendite di case esistenti, vendita di case nuove.

Sul fronte societario sono attesi i risultati del secondo trimestre fiscale della banca d’affari Goldman Sachs.

Alle 12:30 (le 6:30 ora di New York) il contratto future sull’indice S&P 500 guadagna 0,50 punti (+0,05%), a 981,00 punti.

Il contratto sull’indice Nasdaq 100 e’ in rialzo di 1,50 punti (+0,12%), a 1.193,00 punti.

Il contratto sull’indice Dow Jones sale di 4 punti (+0,04%), a 9.080 punti.

Sul mercato obbligazionario, l’ultima emissione del titolo del Tesoro USA a 10 anni fa registrare prezzi a 103,06 e rendimenti al 3,26%.

Verificare le quotazioni dei titoli in movimento nel preborsa aggiornate in tempo reale cliccando BOOK USA