FUTURE USA NEGATIVI MA SENZA GRANDI TIMORI

3 Giugno 2003, di Redazione Wall Street Italia

A tre ore dall’inizio delle contrattazioni a Wall Street, i future sugli indici Usa sono tutti negativi ma non lontani dal Fair Value.

In assenza di dati macroeconomici di rilievo, l’attenzione del mercato rimarra’ concentrata sulle conclusioni del vertice di Evian (G8), sui livelli di cambio valutari e sull’attesa della riunione BCE di giovedi’.

Nei prossimi 10 giorni di Borsa aperta gli operatori cominceranno a fare i conti con le scadenze tecniche attese per venerdi’ 20 giugno. Alcuni dei movimenti sui mercati andranno quindi giudicati fuori dagli schemi dell’analisi fondamentale.

Alle 12:30 (le 6:30 ora di New York) il contratto future sull’indice S&P 500 perde 3,20 punti (-0,33%), a 965,00 punti.

Il contratto sull’indice Nasdaq 100 e’ in ribasso di 4,00 punti (-0,34%) a 1.186,50 punti.

Il contratto sull’indice Dow Jones scende di 33 punti (-0,37%), a 8.870 punti.

Sul mercato obbligazionario, l’ultima emissione del titolo del Tesoro USA a 10 anni fa registrare prezzi a 101,31 e rendimenti al 3,39%.

Verificare le quotazioni dei titoli in movimento nel preborsa aggiornate in tempo reale cliccando BOOK USA