FUTURE USA IMPAURITI DAL SUPER YEN

30 Settembre 2003, di Redazione Wall Street Italia

A due ore dall’inizio delle contrattazioni, i future sugli indici americani sono tutti in terreno negativo.

Sul fronte macroeconomico sono attesi due importanti dati a mercati aperti. Il rapporto sulla fiducia dei consumatori per il mese di settembre (conference board) e l’indice dei direttori degli acquisti del settore manifatturiero dell’area di Chicago.

Il vero protagonista rimane comunque il tasso di cambio dollaro-yen (XJY) arrivato ai minimi degli ultimi tre anni. A parte l’iniziale effetto negativo sulle borse, interessante verificare le aspettative del mercato sull’inflazione futura americana attraverso lo spread sul rendimento tra Treasury e corrispondenti TIPS (Treasury Inflation Protected Securities).

Alle 13:30 (le 7:30 ora di New York) il contratto future sull’indice S&P 500 perde 3.50 punti (-0,35%), a 1000,70 punti.

Il contratto sull’indice Nasdaq 100 e’ in ribasso di 7,50 punti (+0,56%) a 1.328,50 punti.

Il contratto sull’indice Dow Jones scende di 26 punti (+0,28%) a 9.316 punti.

Sul mercato obbligazionario, l’ultima emissione del titolo del Tesoro USA a 10 anni fa registrare rendimenti al 4,05%.

Verificare le quotazioni dei titoli in movimento nel preborsa aggiornate in tempo reale cliccando BOOK USA