FUTURE USA DELUSI DA GENERAL ELECTRIC

11 Luglio 2003, di Redazione Wall Street Italia

A due ore dall’inizio delle contrattazioni a Wall Street, i future sugli indici Usa cambiano rotta e puntano verso il basso. Tutti i contratti sono sotto il fair value.

Sul fronte macroeconomico, prima dell’apertura del mercato sono attesi i dati sulla bilancia commerciale di maggio e soprattutto sull’indice dei prezzi alla produzione di giugno. E’ proprio il secondo report che potrebbe portare a nuove considerazioni per quanto riguarda i pericoli di un’eventuale deflazione, e quindi influire sul mercato dei bond (e di riflesso sull’azionario).

Per quanto riguarda la stagione degli utili aziendali, poco piu’ di un’ora fa’ sono stati resi noti i risultati del secondo trimestre di General Electric (GE – Nyse).

La societa’ ha sostanzialmente centrato le attese degli analisti. Saranno comunque le dichiarazioni di Jeffrey Immelt, CEO, e Keith Sherin, CFO, sulle prospettive future dell’azienda, ad influenzare il mercato. Una conference call per discutere i numeri di GE si terra’ alle 08.30 E.T.

Alle 13:30 (le 7:30 ora di New York) il contratto future sull’indice S&P 500 perde 1,70 punti (-0,17%), a 987,00 punti.

Il contratto sull’indice Nasdaq 100 e’ in ribasso di 3,50 punti (-0,27%), a 1.269,00 punti.

Il contratto sull’indice Dow Jones scende di 10 punti (-0,11%), a 9.005 punti.

Sul mercato obbligazionario, l’ultima emissione del titolo del Tesoro USA a 10 anni fa registrare prezzi a 99,19 e rendimenti al 3,68%.

Verificare le quotazioni dei titoli in movimento nel preborsa aggiornate in tempo reale cliccando BOOK USA