FUTURE: PESANO LE MINACCE DI ATTACCHI TERRORISTICI

2 Agosto 2004, di Redazione Wall Street Italia

A due ore dall’apertura delle borse i future sugli indici americani sono negativi.

Sui mercati Usa pesano le minacce di un attacco di Al-Qaeda alle istituzioni finanziarie americane. Nel mirino dell’Organizzazione terroristica di Bin Laden obiettivi con sede a New York e Washington.

Citigroup, Prudential Financial, il Fondo Monetario Internazionale, il New York Stock Exchange e la World Bank sono tra i target elencati domenica dall’U.S. Department of Homeland Security.

Il rialzo del prezzo del petrolio contribuisce inoltre a peggiorare ulteriormente l’umore degli operatori. Il prezzo del greggio si e’ spinto fino a $43.92 al barile, per poi ripiegare a quota $43.59.

Sul fronte degli utili, ha pubblicato risultati migliori delle attese Procter & Gamble. Attesa per la trimestrale del colosso dei tabacchi RJ Reinolds. Vedi decine di azioni segnalate da
WSI nella rubrica Titoli Caldi, una delle 12 sezioni in tempo reale
riservate agli abbonati a INSIDER. Se non sei gia’ abbonato, clicca sul
link INSIDER

Passando agli indicatori economici, alle 16:00 ora italiana sono in calendario i dati di giugno su spesa per le costruzioni e quelli di luglio sull’ISM manifatturiero.

Sugli altri mercati, sono in rialzo i titoli di Stato. Il rendimento sul Treasury a 10 anni e’ al 4.43% contro il 4.48% della chiusura di venerdi’. Il dollaro viene scambiato a 1.2055 contro l’euro e l’oro guadagna $1.90 a $395.60 all’oncia.

Alle 14:30 (le 8:30 ora di New York) il contratto future sull’indice S&P 500 e’ in ribasso di 4.7 punti (-0.43%) a 1.096.40 punti.

Il contratto sull’indice Nasdaq 100 arretra di 7.50 punti (-0.53%) a 1.395.

Il contratto sull’indice Dow Jones cede 47 punt1 (-0.46%) a 10093 punti.