FUTURE IN LEGGERO RECUPERO DOPO I DATI MACRO

13 Giugno 2003, di Redazione Wall Street Italia

A meno di un’ora dall’inizio delle contrattazioni a Wall Street, i future sugli indici Usa recuperano leggermente terreno dopo i dati macro. Positivi Dow ed S&P 500; in rosso il Nasdaq.

Sul fronte macroeconomico, la nuova tornata di dati ha presentato un quadro a tinte miste. L’indice dei prezzi alla produzione e’ calato dello 0,3%, lasciando aperta la porta ad uno scenario di deflazione. Tuttavia, depurato delle componenti piu’ volatili (prodotti alimentari ed energetici), l’indicatore e’ risultato in crescita dello 0,1%.

Diminuisce leggermente il deficit della bilancia commerciale ($42,03 miliardi ad aprile dal precedente $42,87). L’indebolimento del dollaro comincia a correggere una situazione indicata da piu’ di un analista come una spada di Damocle sull’azienda America.

A questo punto manca solo il dato preliminare sulla fiducia dei consumatori di giugno, rilasciato dall’Universita’ del Michigan, che sara’ comunicato un quarto d’ora dopo l’apertura dei mercati.

Sul fronte degli utili, ieri, dopo la chiusura degli scambi, Adobe, Oracle e CMGI (l’azienda che controlla Altavista) hanno comunicato i risultati trimestrali. Le prime due hanno battuto le attese degli analisti, anche se ADBE ha rivisto al ribasso le previsioni sul terzo trimestre. CMGI ha invece deluso sul fronte dell’EPS, pur registrando una crescita del fatturato del 240%.

Alle 14:43 (le 8:43 ora di New York) il contratto future sull’indice S&P 500 guadagna 0,20 punti (+0,02%), a 1000,80 punti.

Il contratto sull’indice Nasdaq 100 e’ in ribasso di 1,00 punti (-0,08%), a 1.232,00 punti.

Il contratto sull’indice Dow Jones sale di 5 punti (+0,05%), a 9.217 punti.

Sul mercato obbligazionario, l’ultima emissione del titolo del Tesoro USA a 10 anni fa registrare prezzi a 104,08 e rendimenti al 3,13%.

Verificare le quotazioni dei titoli in movimento nel preborsa aggiornate in tempo reale cliccando BOOK USA