FUTURE: DEBOLE LA REAZIONE AI DATI MACRO

7 Agosto 2003, di Redazione Wall Street Italia

A meno di un’ora dall’inizio delle contrattazioni, i future sugli indici americani sono leggermente in territorio negativo.

La reazione del mercato ai dati macroeconomici e’ stata molto contenuta, nonostante le cifre siano state migliori delle aspettative.

Il dato preliminare relativo alla produttivita’ americana del secondo trimestre del 2003 ha registrato una crescita del 5,7%, contro il +4,0% previsto dal consensus. Nel primo trimestre la produttivita’ era aumentata dell’1,9%.

Nella settimana conclusasi il 2 agosto, le nuove richieste per i sussidi di disoccupazione sono scese di 3.000 unita’, a quota 390.000. Il mercato si aspettava 395.000 nuove richieste.

Alle 16:00 (10:00 ora di New York) sara’ pubblicato il dato sulle scorte di magazzino all’ingrosso di giugno e, infine, alle 21:00 (15: a New York) il dato sul credito al consumo, sempre relativo a giugno.

Sul fronte degli utili, grande attesa per la trimestrale di Nvidia (NVDA). La societa’ di chip pubblichera’ il bilancio questa sera, dopo la chiusura delle contrattazioni.

Alle 14:45 (le 8:45 ora di New York) il contratto future sull’indice S&P 500 perde 1,40 punti (-0,17%), a 963,40 punti.

Il contratto sull’indice Nasdaq 100 registra un ribasso di 0,50 punti (-0,014%), a 1.214,00 punti.

Il contratto sull’indice Dow Jones segna un calo di 7 punti (-0,08%), a 9.025,00 punti.

Sul mercato obbligazionario, l’ultima emissione del titolo del Tesoro USA a 10 anni fa registrare rendimenti al 4,25%.

Verificare le quotazioni dei titoli in movimento nel preborsa aggiornate in tempo reale cliccando BOOK USA