FTX pronto a salvare Celsius

28 Settembre 2022, di Gianmarco Carriol

Le dimissioni dell’ex ceo di Celsius, Alex Mashinsky, sono avvenute dopo che un comitato che rappresentava i creditori del finanziatore di criptovalute ha chiesto la sua rimozione, ha rivelato un documento del rilasciato tribunale.

Dalla costituzione del gruppo il 27 luglio, il comitato ha affermato di essersi concentrato sulla protezione degli interessi dei titolari di conti e dei creditori non garantiti di Celsius. Ha portato avanti un’indagine su Mashinsky e altri addetti ai lavori dell’azienda come parte di quel processo, comprese le loro “decisioni problematiche sulla distribuzione delle risorse”.

Dopo la revisione, il comitato ha ritenuto che mantenere Mashinsky come amministratore delegato fosse “inaccettabile e non nel migliore interesse delle proprietà” e che una nuova leadership era vitale. Hanno anche deciso che qualsiasi sforzo di ristrutturazione guidato da Mashinsky avrebbe probabilmente dovuto affrontare grandi sfide e successivamente hanno chiesto al Comitato speciale del consiglio di amministrazione di rimuoverlo dalla carica di ceo.

Mashinsky si è ufficialmente dimesso dal suo incarico martedì, dicendo in una lettera di dimissioni al Comitato speciale che il suo ruolo stava diventando una crescente distrazione e si è scusato per le difficoltà finanziarie che l’azienda ha dovuto affrontare.

L’ex cfo Chris Ferraro è stato nominato ceo ad interim e responsabile della ristrutturazione. Il comitato dei creditori ritiene che sia in grado di supervisionare i beni e gli affari di Celsius e ha affermato che non vede l’ora di dialogare ulteriormente con lui.

Anche se Mashinsky ora non è più a capo dell’azienda, il comitato deve ancora presentare l’esito della sua indagine e perseguire pretese perseguibili contro lui e altri insider.

Il crollo di Celsius è stato un brutto colpo per i mercati delle criptovalute all’inizio di quest’anno, a causa degli effetti a catena del congelamento dei fondi dei clienti da parte delle aziende. Anche il prestatore di criptovalute rivale Voyager ha dichiarato bancarotta e ora i suoi beni sono stati venduti all’exchange di criptovalute FTX per $ 1,4 miliardi.

FTX pronto a comprare Celsius

Secondo quanto riferito, FTX, che sta cercando di raccogliere $ 1 miliardo di finanziamenti, starebbe valutando la possibilità di salvare Celsius Network facendo un’offerta sui beni del prestatore in bancarotta.

Il round di finanziamento non ancora divulgato è stato confermato da Bloomberg martedì, ma né il cei di FTX, Sam Bankman-Fried, né un portavoce della società hanno immediatamente risposto.

Come Voyager, Celsius ha presentato istanza di protezione dal fallimento secondo il Capitolo 11 a luglio dopo aver interrotto i prelievi a giugno e ha accusato le “condizioni di mercato estreme” come motivo principale per farlo.

A luglio, il prestatore era finito in rosso, con 4,7 miliardi di debiti e 100.000 creditori che bussavano alla porta di Celsius chiedendo indietro i loro soldi.

Alcuni creditori hanno prestato denaro all’azienda senza alcuna garanzia per garantire gli obblighi. La società commerciale di Bankman-Fried, Alameda Research, è tra quelle elencate come uno dei primi 50 creditori non garantiti.

L’attività principale di Celsius era fornire ai depositanti l’interesse sulle loro risorse digitali archiviate sulla sua piattaforma, che sono state prestate in una varietà di modi opachi, alcuni dei quali si sono rivelati rischiosi.

Al suo apice, Celsius aveva gestito circa 8 miliardi di dollari in prestiti crittografici con circa 11,8 miliardi di dollari di asset e aveva servito circa 1,7 milioni di utenti a maggio 2022.