Economia

FTX fallita: Bankman-Fried chiede l’archiviazione di 10 accuse penali

In scia al crollo delle principali criptovalute che ha caratterizzato il 2022, a novembre dello scorso anno la statunitense FTX diede il via al domino di fallimenti che ha investito gli exchange di valute digitali. Sul fondatore Sam Bankman-Fried (SBF) non pesa però solo l’accusa di malagestione, ma 13 reati diversi, tra cui riciclaggio, frode bancaria e associazione a delinquere, per cui l’imprenditore 31enne è stato arrestato lo scorso 26 gennaio alle Bahamas.

In un documento depositato l’8 Maggio presso il Tribunale del Distretto Sud di New York, mesi prima del processo previsto per il 2 ottobre, il team legale di SBF ha chiesto l’archiviazione di tutte le accuse penali a suo carico, ad eccezione di quelli per associazione a delinquere finalizzata alla frode sulle commodity, associazione a delinquere finalizzata alla frode sulle securities e associazione a delinquere finalizzata al riciclaggio di denaro (10 su 13).
Bankman-Fried e i suoi avvocati sostengono che i pubblici ministeri lo hanno accusato con una fretta “preoccupante” piuttosto che aspettare che i tradizionali processi civili e normativi seguissero il loro corso ordinario.

Commentando la notizia, Molly White, ricercatrice specializzata in criptovalute, ha suggerito che “almeno in parte sembra che le accuse aggiuntive siano state mosse dopo la stipula dell’accordo di estradizione di SBF“.

Inizialmente SBF era stato estradato negli Stati Uniti dalle Bahamas (è agli arresti domiciliari nella casa dei genitori a Paolo Alto da dicembre) per affrontare otto accuse penali per presunta frode e riciclaggio di denaro; tuttavia, il suo team legale sostiene che quattro delle cinque accuse aggiuntive, mosse a partire dallo scorso Febbraio, “violano la regola di specialità del Trattato”. In base alla regola di specialità, generalmente lo Stato richiedente (gli Stati Uniti) è tenuto a processare il colpevole estradato (SBF) solo per il reato per cui è stato estradato: “durante il procedimento di estradizione nelle Bahamas, tutte le parti in causa, coram judice, e la Corte stessa, erano consapevoli che le regole di specialità si applicavano nonostante l’uso della procedura semplificata. Non vi è stata alcuna rinuncia alla regola di specialità. Al contrario, c’è stato un esplicito riconoscimento della sua applicazione“, hanno sostenuto gli avvocati.

Queste quattro accuse includono associazione a delinquere finalizzata alla frode bancaria e altre accuse individuali di frode informatica relative alle presunte azioni di FTX e Alameda. L’accusa più recente, presentata il 28 Marzo, riguarda la presunta corruzione di un funzionario del governo cinese per 40 milioni di dollari.

Inoltre, gli avvocati di SBF stanno cercando di far decadere altre accuse relative alla “cospirazione per frodare gli Stati Uniti” e alle accuse relative alla frode informatica e all’associazione a delinquere finalizzata alla frode informatica, sostenendo che in questi capi d’accusa il reato non è stato adeguatamente dichiarato. Secondo il suo team legale infatti, il primo atto d’accusa inviato tramite una nota diplomatica “non specifica adeguatamente la violazione” relativa alle leggi sul finanziamento delle campagne elettorali e “non fa riferimento ad alcun conto bancario statunitense, compresi i conti bancari affiliati a FTX o Alameda” in relazione alle accuse di frode informatica.