Ftse Mib: prossimi giorni di sell se violato supporto chiave

16 Maggio 2011, di Redazione Wall Street Italia

Milahno – Le prospettive per l’indice Ftse Mib non sono al momento e in gerenale nel breve termine affatto confortanti. Parola dell’analista indipendente Federico Dalla Bona, intervistato da Class Cnbc, che fa notare come il listino abbia iniziato la nuova ottava in prossimità di un livello di supporto principale, fissato in corrispondenza di quota 21.600. “Durante le prime battute della giornata di contrattazioni, l’indice è arrivato a toccare poi anche i minimi a 21.508”, ha precisato l’esperto.

A questo punto, è possibile che, se la violazione di quota 21.600 dovesse essere confermata, ci “potrebbe essere una pressione di vendita che porterebbe il Ftse Mib in ribasso del 3% rispetto ai valori attuali, nelle prossime 5-10 sedute”, e “che vedrebbe come prossima resistenza più vicina quella tra 21.800-21.850”.

Riguardo ai settori, Federico Dalla Bona afferma che le vendite vedrebbero protagonisti soprattutto i bancari, ma anche gli energetici, che sono piuttosto vulnerabili in questo momento. “Consigliamo di puntare sui titoli del settore lusso e industriali”, sottolinea. E tra i titoli, “Tenaris ha livelli interessanti”.