Francia: mancano soldi, non rispetterà impegni deficit

27 Giugno 2013, di Redazione Wall Street Italia

PARIGI (WSI) – Ci saranno meno soldi del previsto nelle casse statali francesi alla fine dell’anno e questo dovrebbe spingere il governo ad agire in tempo se vorra’ rientrare negli obiettivi di bilancio prefissati. Un traguardo che e’ sempre piu’ lontano.

Le possibilita’ di rispettare gli impegni 2013 si stanno restringendo con il passare dei mesi e la Francia dovra’ apportare altri tagli alla spesa pubblica se vorra’ riportare il deficit al 3% del Pil, rispettando la scadenza fissata da Bruxelles all’anno 2015.

Basta leggere il report della Corte dei Conti per capire la portata della sfida fiscale del Presidente François Hollande e dei suoi ministri, cui non e’ concesso in alcun modo di dimunuire il suo impegno. Non e’ il momento di allentare la presa.

Anche perche’ e’ altamente probabile che l’economia subira’ una contrazione quest’anno, e che essa si rivelera’ piu’ accentuata del -0,1% previsto. Se cosi’ fosse “il deficit pubblico effettivo potrebbe attestarsi indicativamente al 3,8-4,1% del Pil”, secondo i calcoli degli organi statali.

Il livello e’ superiore al 3,7% previsto dal Programma di stabilita’ europeo.