FONDI: LTCM, MERIWETHER SI SCUSA E CI RIPROVA

21 Agosto 2000, di Redazione Wall Street Italia

A due anni di distanza dal terremoto provocato sui mercati finanziari dal suo Long Term Capital Management (LTCM), John Meriwether ha chiesto scusa agli investitori.

“Tutta la filosofia di gestione del fondo era sbagliata – ha ammesso il finanziere in un’intervista al Wall Street Journal – sono pieno di rimorsi per quanto e’ accaduto”.

Nel 1988, durante la crisi internazionale che dall’Asia si propago’ alla Russia e all’America Latina, LTCM brucio’ oltre 4 miliardi di dollari in meno di un mese, costringendo la Federal Reserve di New York a chiamare a raccolta le principali banche americane per un’operazione di salvataggio.

La ‘confessione’ ha destato sorpresa a Wall Street, soprattutto fra chi conosce da vicino Meriwether, persona riservatissima che detesta parlare con la stampa.

L’immagine contrita con cui il finanziere si ripresenta al pubblico degli investitori non sembra tuttavia frutto del caso.

Meriwether ha lanciato un nuovo fondo d’investimento lo scorso anno, JWM, ma l’obiettivo di raccogliere un miliardo di dollari non e’ stato raggiunto.

Nonostante abbia registrato sinora una performance superiore a quella dell’indice Standard & Poor 500, con un utile netto del 6,7%, JWM non supera i 400 milioni di attivita’.

Capo chino e promessa di non ripetere gli errori del passato potrebbero essere la chiave per attirare nuovi sottoscrittori e riconquistare il prestigio perduto a Wall Street.