Flop The Daily, chiude il primo quotidiano per i tablet

4 Dicembre 2012, di Redazione Wall Street Italia
Il contenuto di questo articolo, pubblicato da Corriere della Sera – che ringraziamo – esprime il pensiero dell’ autore e non necessariamente rappresenta la linea editoriale di Wall Street Italia, che rimane autonoma e indipendente.

Roma – Rupert Murdoch stacca la spina a The Daily, il quotidiano online nato esclusivamente per iPad il 2 febbraio 2011. Il tycoon di origine australiana ha deciso di chiudere la testata pensata per i tablet a un anno e mezzo dalla sua apertura. Diventano realtà, quindi, le indiscrezioni su una sua chiusura che erano già circolate ai primi di luglio, quando NewsCorp, la major di proprietà dello “Squalo”, aveva messo sotto attenzione la testata, per un modello di business evidentemente non profittevole come nelle attese.

IL BREAK-EVEN MANCATO – L’azienda di Murdoch aveva dapprima separato le proprie attività in due distinte società, una per l’entertainment e una per le news, chiarendo che tutte le testate giornalistiche avrebbero dovuto generare profitti per restare attive.

Ma The Daily non ha mai raggiunto il break even point, il pareggio di bilancio. La testata era stata descritta come l’inizio della rivoluzione editoriale e sembrava destinata a trasformare il mondo delle notizie. Una struttura poco fluida dell’applicazione e un mercato molto concorrenziale (con molte offerte gratuite) sembrano aver influito sulla decisione. Secondo quanto reso noto dalla società, il caporedattore Jesse Angelo e una parte della redazione andranno a far parte dello staff del New York Post.

LA NOTA DI NEWSCORP – «Dal suo lancio The Daily è stato un coraggioso esperimento…ma sfortunatamente abbiamo verificato che non è stato possibile trovare un audience sufficientemente vasta per convincerci che il modello di business fosse sostenibile nel lungo periodo», ha dichiarato in un comunicato Murdoch. E neanche il prezzo stracciato è bastato a far decollare la testata. Così dopo meno di due anni NewsCorp ha annunciato la fine della pubblicazione, anticipata da una riduzione di un terzo dei dipendenti nei mesi scorsi.

Copyright © Corriere della Sera. All rights reserved