FISCO: DUBBI SU TAGLIO ICI, E’ IN ‘STILE BUSH’

30 Maggio 2008, di Redazione Wall Street Italia

Il taglio dell’Ici deciso dal nuovo governo non piace all’economista ed editorialista del New York Times Paul Krugman che la definisce una misura ‘Bush Style’. Parlando al festival dell’economia a Trento, Krugman ha ricordato come quella italiana “sia un’economia un poco travagliata”, e che il taglio dell’Ici “sembra non dare sufficienti incentivi sul lato dell’offerta”. (ANSA)

La diagnosi sul caso-Italia di Krugman è impietosa: «Situazione travagliata, problemi sul lato della domanda e dell´offerta, scarsa competitività».
Ha ragione Krugman oppure no? Repubblica ha posto la domanda al popolo degli economisti presente in massa al Festival di Trento mettendo in campo un mini sondaggio. Qual è il ministro economico più dinamico? Quali misure avete apprezzato di più?

Il governo alla fine prende la sufficienza: media tra antipatizzanti e simpatizzanti, piace la detassazione degli straordinari, Brunetta riscuote consensi, Tremonti meno (anche se i politici per ora hanno perso l´occasione di confrontarsi con il Festival di Trento dando clamorosi forfait). Ecco alcune delle risposte, ma nell´esporre i risultati abbiamo anche considerato una serie di pareri espressi da economisti che hanno chiesto di rimanere anonimi.

Mario Monti, decano dell´ala bocconiana, si tira fuori. Ma in massa a fianco del premio Nobel intervengono gli economisti più liberal: «Voto 3 ai provvedimenti del governo, il taglio dell´Ici è stato coperto con i soldi delle opere pubbliche nel Sud», risponde Pia Saraceno, capo del centro studi Ref.

Il grosso dei presenti è più cauto quando è chiamato a dire quale è la misura migliore tre quelle varate a Napoli: eliminazione dell´Ici, blocco delle tasse locali, detassazione degli straordinari, congelamento dei mutui e sull´annuncio di licenziare gli statali “fannulloni”. Alberto Clò non si sottrae: voto alto, ben più della sufficienza, sulle prime mosse del governo in materia di economia, ma individua il ministro “più dinamico” in Brunetta solo grazie all´operazione anti-fannulloni.

Giampaolo Galli, ora in servizio all´Ania, non va oltre il 7: la misura migliore del pacchetto è la detassazione degli straordinari, mentre il ministro migliore è Sacconi (perché, spiega, «sa creare consenso»). Il presidente del Gestore dei servizi elettrici, Andrea Bollino, concede un voto alto, promuove Scajola sul nucleare e spiega il sì all´abolizione dell´Ici: «E´ una tassa ingiusta».(La Repubblica)