Fisco: addio vecchio scontrino, da luglio diventa elettronico

8 Ottobre 2018, di Mariangela Tessa

Addio vecchio scontrino. Il tagliando che comprova l’acquisto anche a fini fiscali andrà presto in pensione. Quello nuovo sarà elettronico e si affiancherà alla e-fattura.

È quanto prevede un articolo della bozza del decreto fiscale collegato con la manovra che il governo sta predisponendo da cui emerge che l’arrivo della certificazione telematica sarà graduale: dal luglio 2019 riguarderà i soli contribuenti con un volume d’affari sopra i 400mila euro l’anno, dal 2020 per tutti gli altri esercenti, anche i più piccoli.

Tra i benefici ci sono ovviamente i controlli tempestivi e anche la possibilità di avviare analisi del rischio evasione, ma anche la diffusione dei pagamenti elettronici e la possibilità di favorire la
digitalizzazione del paese, creando nuovi servizi.

Lo scontrino telematico non è l’unica novità. La misura sarà accompagnata dall’arrivo di una “lotteria dei corrispettivi” e da uno sconto fiscale riservato ai negozianti per aggiornare o acquistare un registratore di cassa elettronico.

Tra le misure, indicate nella bozza compare il ‘condono’, ovvero una doppia sanatoria per le cartelle – una rottamazione ter diluita in 5 anni – e per le liti fiscali pendenti.

Stop anche all’aumento delle accise della benzina prevista a partire dal gennaio 2019 da un decreto approvato nel giugno di due anni fa per finanziare lo sconto ‘Ace'(Aiuto alla Crescita Economia) delle imprese.

Presente solo con il titolo ma non definite nel testo, vi sono anche la proroga del prestito ponte all’Alitalia e il ristoro dei risparmiatori danneggiati dalla crisi delle banche.