FIAT: IL PARLAMENTO ITALIANO LA VEDE COSI’…

24 Luglio 2002, di Redazione Wall Street Italia

Il Parlamento italiano è convinto che Fiat debba riunire e tenere in Italia i grandi marchi automobilistici come Ferrari, Alfa Romeo e Maserati.

Questi andrebbero costituire un polo
produttivo unitario.

Sulla bozza di documento sull’indagine
conoscitiva del settore auto condotta dalle commissioni Attività Produttive di Camera e Senato dunque, l’unica soluzione possibile e credibile per risolvere la crisi Fiat è questa, poiché non ci sono garanzie che il gruppo resti in mani italiane.

C’è infatti General Motors che può esercitare nel 2004 il diritto di opzione di acquisto del rimanente 80% del capitale di Fiat Auto di cui detiene già il 20%.

Secondo le commissioni parlamentari: “non vi è dubbio che la conferma dell’attuale proprietà rappresenterebbe un elemento di garanzia per quanto riguarda la permanenza di una importante presenza industriale nel nostro paese”.

E poiché l’ipotesi della cessione a Gm non può venire esclusa a priori, occorre almeno assicurarsi la permanenza “del cervello dell’azienda: direzione dei marchi, ricerca e
sviluppo”.

Per le quotazioni e i grafici IN TEMPO REALE di tutti i titoli azionari quotati a Piazza Affari, forniti da Borsa Italiana e relativi agli indici Mibtel, Mib30, Nuovo Mercato, Midex, Mibtes, Star, e inoltre per le convertibili, i derivati su titoli, indici (covered warrant) e per l’after hours clicca su Borsa Italiana