FIAT AFFONDA CON IL SALONE DI TORINO

di Redazione Wall Street Italia
19 Febbraio 2002 09:38

Fiat ha aperto la seduta odierna in forte ribasso, cedendo subito oltre un punto e mezzo percentuale.

Il titolo è affossato dallo stupore e dalla sfiducia innescati dalla decisione di far saltare il Salone dell’auto di Torino.

Effettivamente è la prima volta che ciò accade dal dopoguerra, ma di tutte le case automobilistiche mondiali solo otto avevano risposto all’appello.

Il settore è in crisi, come confermano i dati che nel corso delle ultime settimane si sono succeduti.

A livello europero il comparto dell’auto, secondo un recente report di Hsbc, ha perso circa il 20% sui mercati da metà settembre a fine novembre 2001.

L’attenzione degli investitori è tutta puntata sul Lingotto, dove oggi si svolge la convention dei 500 manager di punta del gruppo. Potrebbero esserci novità nel settore dell’auto.

E d’altra parte girano molte indiscrezioni: in un’intervista apparsa oggi sul quotidiano La Repubblica, il presidente di Fiat Paolo Fresco ha smentito che il gruppo intenda cedere il settore auto a General Motors.

Cosa di cui invece è convinto il Financial Times.

Per le quotazioni e i grafici IN TEMPO REALE di tutti i titoli azionari quotati a Piazza Affari, forniti da Borsa Italiana e relativi agli indici Mibtel, Mib30, Nuovo Mercato, Midex, Mibtes, Star, e inoltre per le convertibili, i derivati su titoli, indici (covered warrant) e per l’after hours, clicca in MERCATI nella sezione PIAZZA AFFARI.