FEDERAL RESERVE: PARLA IL VICE DI GREENSPAN

27 Febbraio 2001, di Redazione Wall Street Italia

Le spese dei consumatori americani resistono nonostante il grado di fiducia dei consumatori sia calato drammaticamente, mettendo la Federal Reserve in allarme sul rischio recessione; lo ha detto oggi Roger Ferguson, il vice presidente della banca centrale americana, nel corso di una conferenza a New York.

Ferguson si e’ detto stupito dal fatto che la fiducia dei consumatori sia scesa in maniera cosi’ pronunciata – in febbraio ha raggiunto il livello piu’ basso dal giugno scorso – quando le spese degli americani sono invece aumentate.

“Nonostante il forte indebolimento del ‘sentiment’ di mercato, le spese delle famiglie sembrano aver retto molto positivamente – ha detto Ferguson nel corso del suo intervento a New York – Non e’ ancora chiaro come questi segnali contrastanti possano essere risolti nel futuro e sicuramente saranno oggetto di un’attenta analisi da parte della Fed”.

La banca centrale presta infatti molta attenzione al dato sulla fiducia dei consumatori visto che da’ un’indicazione sul trend della spese delle famiglie.

Ferguson ha tuttavia precisato che il dato sulla fiducia non e’ l’unico tenuto sotto stretta osservazione dai suoi colleghi della Fed per avere una fotografia completa delle spese dei consumatori, che di per se’ rappresenta un terzo dell’intera economia USA.

Le parole di Fereguson – dicono gli analisti – non rappresentano altro che lo specchio di quanto affermato da Alan Greenspan, il presidente della Fed, due settimane fa davanti al Senato USA; Greenspan si era detto ottimista su una ripresa dell’economia una volta ridotte le scorte.

Il vice presidente della banca centrale americana Ferguson, nel suo intervento di oggi a New York, ha sottolineato di non poter prevedere quando avra’ inizio la ripresa: “alla domanda non e’ possibile rispondere con certezza”, ha affermato.