Facebook: parte il conto alla rovescia. Per l’Ipo questione di ore

1 Febbraio 2012, di Redazione Wall Street Italia

New York – Si avvicina il momento. Facebook, il gigante internet dei social network, potrebbe presentare in giornata alla SEC (Securities and Exchange Commission) i documenti per l’IPO. Fino alla scorsa settimana, il Wall Street Journal parlava dell’obiettivo della società di raccogliere circa $10 miliardi e raggiungere una valutazione tra $75-$100 miliardi.

Ma adesso non si parlerebbe più di $10 miliardi, quanto della metà, di $5 miliardi, stando a quanto scrive l’International Financing Review. Potrebbe essere tutto un gioco psicologico, per cercare di rafforzare la domanda attraverso una minore offerta, rendendo dunque i titoli più ricercati. L’intento sarebbe comunque di raggiungere i $75-$100 miliardi.

Tra gli istituti coinvolti nel collocamento vengono citati Morgan Stanley, Goldman Sachs, Bank of America Merrill Lynch, Barclays Capital e JPMorgan.

L’Ipo fara’ diventare milionari i suoi dipendenti e, fra gli altri, arricchira’ Bono, il cantante degli U2, il fondatore di LinkedIn Reid Hoffman, e l’amministratore delegato di Zynga Marc Pincus. Bono, infatti, e’ anche il fondatore della societa’ di investimento Elevation Partner e la sua quota in Facebook, quando il social network sara’ in Borsa, sara’ valutata 1 miliardo di dollari.