EVASIONE FISCALE: TREMANO GLI ITALIANI COI SOLDI ALL’ESTERO

7 Settembre 2009, di Redazione Wall Street Italia

L’Agenzia delle Entrate si appresta a mettere a punto con la gdf la task force italiana per combattere i paradisi fiscali. Circa 50 persone dovranno setacciare i beni di italiani all’estero sconosciuti al fisco. Un’operazione che cammina parallelamente a quella dello scudo fiscale, la norma che consente il rimpatrio volontario di capitali con un’aliquota agevolata nel caso in cui non ci sia pero’ un procedimento aperto.

Hai approfittato del rialzo di +55% dello S&P500 da marzo ad agosto? Ora per continuare a guadagnare, abbonati a INSIDER: costa meno di 1 euro al giorno. Clicca su INSIDER

La circolare del direttore dell’Agenzia delle Entrate, con tutti i chiarimenti per coloro che vorranno avvalersi di questa possibilita’, e’ attesa tra giovedi’ e venerdi’, considerato che dal 15 settembre sara’ gia’ possibile fare domanda. Proseguono intanto gli incontri tecnici tra l’amministrazione fiscale italiana e quelle dei Paesi con i quali l’Italia punta ad avere un accordo di cooperazione fiscale.

Se con San Marino i colloqui sono a buon punto e si potrebbe arrivare presto alla vera e propria intesa (doppia imposizione fiscale e scambio di informazioni), incontri a livello tecnico, secondo quanto si apprende, potrebbero esserci in settimana anche con la Svizzera. Tutto pronto dunque per l’offensiva d’autunno. La task-force potrebbe essere operativa gia’ entro settembre e fara’ capo alla Direzione Centrale Accertamento dell’Agenzia delle Entrate guidata da Luigi Magistro e Rossella Orlandi.