Eurozona, “stimolo investimenti inutile se mercato non tira”

7 Luglio 2014, di Redazione Wall Street Italia

BRUXELLES (WSI) – Eurogruppo al via in questi giorni. In quanto presidente per sei mesi, l’Italia è chiamata a un ruolo delicato di mediazione e di riforme per chiudere la pagina del rigore che non ha dato gli effetti sperati da Germania e Stati virturosi.

La difficoltà delle negoziazioni consiste nel concordare quanto lungo il passo può fare il paese mentre la situazione non solo nel nostro Paese ma anche in Europa sta degenerando.

Specialmente nel mercato del lavoro, con i livelli di disoccupati che hanno raggiunto nuovi record negativi.

Le riforme strutturali vanno viste come uno stimolo agli investimenti, che da tutti vengono visti come positivi, sopratutto per le infrastrutture.

Tuttavia, non va dimenticato secondo Fabrizio Onida, economista interpellato dal canale RaiNew24, che se il mercato non tira, va da sé che gli investimenti non hanno l’effetto sperato.