Eurozona: confermata timida crescita del Pil

6 Marzo 2015, di Redazione Wall Street Italia

BRUXELLES (WSI) – L’economia dell’area euro ha registrato una crescita dello 0,3% negli ultimi tre mesi del 2014, in linea con le prime stime pubblicate. L’incremento si confronta con quello dello 0,5% degli Stati Uniti. Su base annuale il rialzo è stato dello 0,9%.

I dati diffusi da Eurostat confermano l’andamento positivo di consumi, investimenti e commercio, tutte componenti che hanno contribuito al miglioramento dell’attività economica generale del Blocco a 19.

In Unione Europea la crescita è stata invece dello 0,4% su base mensile, con i rialzi del Pil più marcati che sono stati realizzati da Estonia e Svezia (+1,1% per entrambi i paesi nordici). La Germania ha visto un tasso del +0,7% entre la Francia continua a fare immensamente fatica (+0,1%). Senza sorpresa, l’economia dell’Italia è rimasta stagnante (crescita zero). Rispetto all’ultimo trimestre del 2013 il Pil è aumentato dell’1,3%.

Solo quattro paesi hanno visto una contrazione dell’economia: Cipro (-0,7%), Grecia (-0,4%), ma anche paesi virtuosi come Austria e Finlandia (-0,2%).

(DaC)