EURO: SOTTO 1,35 USD E AL MINIMO IN UN ANNO SU YEN

25 Febbraio 2010, di Redazione Wall Street Italia

L’euro scende sotto 1,35 dollari e tocca il minimo da un anno sullo yen. I mercati temono la crisi greca e prevale quindi l’avversione al rischio, che premia monete rifugio come quella giapponese.

L’euro passa di mano a 1,3477 dollari, dopo aver toccato un minimo di 1,3452, non lontano dal minimo da nove mesi di 1,3445 raggiunto venerdi’ scorso.

Euro/yen a 120,44, dopo aver toccato il minimo da un anno di 120,21.

In un’intervista al Financial Times David Forrester, economista esperto del mercato dei cambi presso Barclays Capital, prevede che “le preoccupazioni relative ai debiti sovrani europei continueranno a pesare sul rapporto tra euro e dollaro nel breve termine”.

Le parole pronunciate ieri dal numero uno della Fed Ben Bernanke, che ha assicurato che i tassi di interesse, rimarranno ai livelli attuali per un arco di tempo ancora lungo hanno avuto un effetto positivo sulla moneta unica limitato alla giornata di ieri.

A tornare protagonisti sono stati nuovamente i problemi della Grecia, visti i timori su un downgrade da parte delle agenzie di rating Moody’s e S&P.

Un rimbalzino a questo punto potrebbe essere anche possibile, ma il quadro dell’euro rimane di per sé poco confortante.