Euro 2020: Italia vince anche sui mercati azionari. Studio rivela correlazione tra eventi sportivi e rendimenti

14 Luglio 2021, di Alessandra Caparello

L’Italia ha vinto gli Europei di calcio 2020 e il mercato azionario tricolore è salito mentre quello inglese è sceso. Nel dettaglio l’indice FTSE MIB è salito dello 0,92% nella giornata di lunedì dopo la vittoria, mentre l’indice FTSE U.K. All-Share è rimasto piatto.

È una coincidenza che questi rendimenti rispecchino il risultato della seguitissima partita del campionato  europeo di calcio di domenica, in cui l’Italia ha battuto l’Inghilterra? Così si chiede Mark Hulbert su MarketWatch.com secondo cui i ricercatori hanno scoperto che, come regola generale, il mercato azionario di un paese soffre quando una delle sue squadre sportive viene eliminata dalle principali competizioni mondiali.

Eventi sportivi e mercati azionari: la correlazione

Forse lo studio più noto su questo argomento è apparso nel numero di agosto 2007 del Journal of Finance. Lo studio intitolato “Sports Sentiment and Stock Returns”, è stato condotto dai professori di finanza Alex Edmans della London Business School; Diego Garcia della University of Colorado Boulder, e Oyvind Norli della Norwegian School of Management.  Dopo aver analizzato la reazione del mercato azionario a più di 2.000 eventi sportivi internazionali fino al 1980, i ricercatori hanno scoperto che, in media, l’eliminazione di un paese dalle competizioni globali è stata seguita dal suo mercato azionario che ha prodotto un rendimento significativamente inferiore alla media nella sessione di trading immediatamente successiva.

È interessante notare che i ricercatori non hanno trovato alcun ritorno corrispondente superiore alla media per il mercato azionario di un paese invece dopo la vittoria di una delle sue squadre sportive nelle competizioni internazionali. Essi ipotizzano che questa asimmetria sia dovuta alla tendenza dei tifosi delle squadre perdenti a diventare più depressi rispetto a quelli delle squadre vincenti a diventare ottimisti. Effetto di questa asimmetria è che il mercato azionario mondiale avrà rendimenti inferiori alla media durante le competizioni sportive globali – durante i periodi in cui alcuni paesi saranno eliminati, in altre parole.

C’è anche un’implicazione di investimento più ampia: il ruolo sorprendentemente grande che i nostri stati d’animo giocano nelle nostre decisioni di investimento.

Ci piace pensare a noi stessi come investitori razionali che si avvicinano ai mercati in modo statisticamente rigoroso. Questi studi sul sentimento sportivo e i rendimenti azionari mostrano quanto possiamo sbagliarci.