Ethereum: che impatto avrà il Merge sul mercato?

14 Settembre 2022, di Gianmarco Carriol

Intorno al 15 settembre 2022, la blockchain di Ethereum dovrebbe cambiare il suo meccanismo di consenso da proof-of-work (PoW) a proof-of-stake (PoS). Sotto il PoS, i validatori “scommettono” la criptovaluta nativa della blockchain inviandola a uno smart contract dove rimane bloccata, con un validatore scelto a caso per confermare ogni nuovo blocco e ricevere la ricompensa associata.

Nel caso di Ethereum, i validatori devono puntare 32 Ether, ma gli utenti possono ricevere ricompense per lo staking con meno entrando in un pool di staking. PoS è più rispettoso dell’ambiente rispetto al meccanismo di consenso PoW, in base al quale i minatori competono per convalidare nuovi blocchi spendendo grandi quantità di potenza di calcolo ed elettricità.

Lo switch di Ethereum è noto come “The Merge” perché la blockchain PoS di Ethereum, nota come Eth2, opera in uno stato di test noto come Beacon Chain dalla fine del 2020. Con The Merge, Eth2 ed Eth1 si uniranno per formare una blockchain, con Eth1 che fungerà da livello di esecuzione che gestisce le transazioni ed Eth2 come livello di consenso che gestisce il consenso PoS.

Lo stacking dopo il Merge di Ethereum

Una delle prime domande è se The Merge stimolerà più attività di staking sulla blockchain di Ethereum. Gli utenti hanno già scommesso più di 30 miliardi di dollari di Ether sulla blockchain di Eth2, rendendola la più grande blockchain PoS per valore in gioco prima ancora di sostituire Eth1. Alcuni hanno puntato direttamente impostando i propri nodi validatori, che richiedono software e hardware specializzati oltre a 32 Ether. Altri hanno puntato inviando Ethereum a un pool di staking: simile a un pool di mining, i pool di staking consentono a diversi utenti di mettere in comune le proprie risorse, aumentare le possibilità di essere selezionati per proporre un nuovo blocco e condividere i premi tra di loro.

Chainanalysis

Lo staking potrebbe diventare una proposta ancora più interessante dopo The Merge per alcuni motivi. Per uno, gli utenti probabilmente si sentiranno più a loro agio nello staking una volta che PoS sarà ufficialmente in atto e PoW sarà lasciato nel passato. Il passaggio a PoS renderà anche Ethereum più ecologico, il che potrebbe rendere gli investitori con impegni di sostenibilità più a proprio agio con l’asset. Questo vale soprattutto per gli investitori istituzionali.

Infine, The Merge pone le basi per futuri miglioramenti a Ethereum. In questo momento, Ether puntato direttamente su Eth2 è bloccato nel contratto e non può essere ritirato. Alcuni servizi di staking forniscono risorse sintetiche liquide che rappresentano l’Ether in staking degli utenti, ma tali servizi sintetici non sempre mantengono un legame 1:1 con Ether.

Anche se The Merge non cambierà questa situazione immediatamente, un aggiornamento noto come Shanghai upgrade, pianificato da 6 a 12 mesi dopo The Merge, consentirà agli utenti di ritirare a piacimento l’Ether in staking, fornendo più liquidità agli staker e rendendo lo staking una proposta più attraente complessivamente. Nel loro insieme, questi cambiamenti, a partire da The Merge, dovrebbero rendere Ether un asset più interessante da detenere, e quindi anche su cui puntare.

Gli investitori istituzionali abbracciano Ethereum

Oltre ad aumentare lo staking in generale, partirà la ricerca di investitori istituzionali che inizino o aumentino specificamente la loro attività di staking di Ethereum.

I prezzi di criptovalute come il Bitcoin sono diventati più correlati con quelli dei titoli tecnologici e di altri asset ad alto rischio. Tuttavia, il prezzo di Ether potrebbe disaccoppiarsi da altre criptovalute dopo The Merge, poiché i suoi premi di staking lo renderanno simile a uno strumento come un’obbligazione.

Alcuni prevedono che tra i premi di staking e le commissioni di transazione distribuite ai validatori, gli staker possono aspettarsi rendimenti di Ether del 10-15% annuo, e questo prima di tener conto del potenziale aumento del prezzo di Ether stesso, che aumenterebbe anche i rendimenti in termini di valore fiat (ovviamente, anche il prezzo di Ether potrebbe scendere, il che danneggerebbe i rendimenti fiat).

Questi rendimenti potrebbero rendere Ethereum un’allettante alternativa obbligazionaria per gli investitori istituzionali. Per fare un confronto, i rendimenti dei buoni del Tesoro statunitensi a un anno si attestano al 3,5% a settembre 2022, sebbene tale numero sia aumentato nell’ultimo anno. I dati mostrano che il numero di portafogli che puntano 1 milione di dollari o più di Ether, che chiameremo staker istituzionali, è già in costante aumento.

Nel complesso, The Merge potrebbe avere grandi implicazioni per il prezzo di Ether e l’attrattiva complessiva come risorsa, che a sua volta influisce sullo staking, sul mining e sull’adozione istituzionale della criptovaluta. S