Etf e assicurazioni, lo “strano” binomio spiegato da Eurovita (VIDEO)

7 Febbraio 2020, di Alessandro Chiatto

 

Ridurre i costi assicurativi con gli Etf si può. Si tratta di una delle soluzioni della compagnia assicurativa Eurovita, società giovane nata sul finire del 2017 dalla fusione di Eurovita Assicurazioni, Old Mutual Wealth Italy ed Ergo Previdenza. Di questo e molto altro abbiamo parlato insieme a Luca Matassino, responsabile commerciale Banche, Reti e Private, intervistato durante Consulentia20, l’evento organizzato da Anasf. Un tema importante di oggi è la liquidità depositata sui conti corrente: “La liquidità sui conti corrente è un problema strutturale. Certo, gli italiani sono un popolo di risparmiatori, ma senza dubbio in eccesso. Nonostante tutti i tentativi che si stanno facendo tutto sommato vediamo che è in continuo aumento. Qualche effetto positivo lo hanno, perché se vediamo che abbiamo un debito pubblico molto alto che se compensato dal risparmio privato può andare bene. D’altro canto, abbiamo la possibilità di diversificare gli investimenti e da questo punto di vista il mondo assicurativo intercetta le esigenze del cliente proprio dal punto di vista della protezione dell’investimento e anche di tutela patrimoniale per le generazioni future”. Ecco, quindi, che tra le soluzioni si sta facendo sempre più strada la soluzione passiva, gli Etf, uno strumento che in Eurovita hanno aggiunto all’interno delle loro unit linked: “Noi proponiamo diverse soluzioni d’investimento. Siamo storicamente presenti sul mercato delle unit linked con una piattaforma aperta di più di mille fondi e abbiamo integrato la nostra offerta con gli Etf. Abbiamo già aggiunto 180 Etf alla nostra piattaforma e questo aiuta a ridurre i costi impliciti del prodotto assicurativo, rendendolo più accessibile a una vasta platea.