Eni: inverno 2023 sarà quello più critico senza gas russo

1 Novembre 2022, di Alessandra Caparello

Secondo l’Agenzia Internazionale dell’Energia, per questo inverno lo stoccaggio di gas in Europa è pieno per oltre il 90%, il che garantisce una certa sicurezza contro una grave carenza. Ma gran parte di questo stoccaggio è costituito da gas russo importato nei mesi precedenti, che probabilmente non sarà più disponibile entro l’inverno del 2023.

Questo potrebbe portare a significativi disordini sociali – già oggi sono scoppiate proteste di piccole e medie dimensioni in tutta Europa. I politici e i governi di tutto il mondo si stanno preparando così a potenziali disordini civili, mentre molti Paesi sono alle prese con i crescenti costi dell’energia e l’aumento dell’inflazione.

L’economia globale sta affrontando un attacco da più parti: la guerra in Europa, la carenza di petrolio, gas e cibo e l’alta inflazione, ognuno dei quali ha peggiorato l’altro.

Le preoccupazioni si concentrano sull’inverno in arrivo, soprattutto per l’Europa. Il freddo, unito alla carenza di petrolio e di gas dovuta alle sanzioni occidentali contro la Russia per l’invasione dell’Ucraina, minaccia di mettere a repentaglio la vita e le imprese. Ma per quanto ci sia preoccupazione per l’inverno in corso, è l’inverno del 2023 che deve preoccupare, hanno avvertito i maggiori dirigenti del settore petrolifero e del gas.

Non è l’inverno 2022 il più preoccupante: cosa dicono i ceo del settore petrolifero

I prezzi dell’energia “si stanno avvicinando all’inaccessibilità”, con alcune persone che “spendono già il 50% del loro reddito disponibile in energia o più”, ha dichiarato Bernard Looney, CEO di BP alla CNBC durante un panel alla conferenza Adipec di Abu Dhabi.

Siamo in buona forma per questo inverno. Ma come abbiamo detto, il problema non è questo inverno. Sarà il prossimo, perché non avremo il gas russo.

Tuttavia, grazie a una combinazione di elevati livelli di stoccaggio del gas e di pacchetti di spesa governativi per sovvenzionare le bollette dei cittadini, l’Europa potrebbe essere in grado di gestire la crisi quest’anno.

“Penso che la crisi sia stata affrontata per questo inverno”, ha detto Looney. “È il prossimo inverno che credo molti di noi temano, in Europa, possa essere ancora più impegnativo”.

L’Europa non ha la benzina e questa è una “grande debolezza”, dice l’amministratore delegato di Eni che  ha espresso la stessa preoccupazione.

“Siamo in buona forma per questo inverno”, ha detto il capo dell’Eni Claudio Descalzi durante lo stesso panel. “Ma, come abbiamo detto, il problema non è questo inverno. Sarà il prossimo, perché non avremo il gas russo – il 98% [in meno] l’anno prossimo, forse niente”.

Crisi gas: proteste già iniziate

Questo potrebbe portare a gravi disordini sociali: in Europa sono già scoppiate proteste di piccole e medie dimensioni. Come in Germania e Austria a settembre e nella Repubblica Ceca la scorsa settimana – quest’ultima ha visto le bollette energetiche delle famiglie decuplicarsi – potrebbero essere un piccolo assaggio di ciò che accadrà, hanno avvertito gli analisti. Alcuni dirigenti del settore energetico sono d’accordo.

Il mondo deve affrontare “la praticità e la realtà di oggi e di domani”, ha detto Looney di BP, sottolineando la necessità di “investire negli idrocarburi oggi, perché il sistema energetico di oggi è un sistema di idrocarburi”.

Molti politici e istituzioni continuano a criticare l’uso dei combustibili fossili, avvertendo che la crisi più grande è quella del cambiamento climatico. A giugno, il Segretario Generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres ha chiesto di abbandonare i finanziamenti per i combustibili fossili e ha definito “delirante” qualsiasi nuovo finanziamento per l’esplorazione.  I dirigenti del settore petrolifero hanno sostenuto che questo approccio non è realistico e non è un’opzione se i Paesi vogliono avere stabilità economica e politica. Allo stesso tempo, però, hanno ammesso che la stessa transizione energetica ha bisogno di maggiore attenzione e investimenti per evitare una crisi più grave l’anno prossimo e oltre, quando non ci sarà più gas russo in deposito e le altre opzioni saranno sempre più costose.

“In Europa paghiamo almeno sei, sette volte o addirittura 15 volte i costi dell’energia rispetto agli Stati Uniti”, ha detto Claudio Descalzi dell’ENI. “Quindi, quello che abbiamo fatto in Europa, ogni paese, ha dato sussidi incentivanti per cercare di ridurre i costi per l’industria e per i cittadini. Per quanto tempo questo potrà continuare?”, ha chiesto.  “Non lo so, ma è impossibile che possa continuare per sempre. Tutti questi Paesi hanno un debito molto alto”, ha detto. “Quindi devono trovare un modo strutturale per risolvere il problema. E il modo strutturale è quello che abbiamo detto finora: dobbiamo aumentare e accelerare la transizione. Questo è vero”. “Ma”, ha aggiunto, “dobbiamo capire, da un punto di vista tecnico, cosa è conveniente e cosa no”.