Elezioni Usa, quando si conosceranno i risultati definitivi

3 Novembre 2020, di Mariangela Tessa

Elezioni Usa, quando si conosceranno i risultati definitivi

Ci siamo. Dopo una lunga campagna elettorale, segnata dall’emergenza coronavirus, martedì 3 novembre gli americani si recheranno alle urne per decidere chi, tra Donald Trump e Joe Biden, sarà il prossimo presidente degli Stati Uniti.

Tra le tante incertezze legate a queste elezioni Usa c’è anche quella, non certo secondaria, legata a a quando si sapranno i risultati ufficiali.

“Lo scenario per i prossimi giorni sembra ancora pieno di nubi all’orizzonte, considerando che lo spoglio dei voti via posta potrebbe durare fino a venerdì e con Trump che si è dichiarato pronto a far ricorso alla Corte Suprema (con un baricentro a favore dei repubblicani), la quale nelle elezioni contese del 2000 determinò la vittoria di Bush” precisano la mattina del 4 novembre da Mps Capital Services.

 

Elezioni Usa, il voto postale

Questo soprattutto a causa del ricorso, senza precedenti, del visto via posta. A causa della pandemia, secondo gli ultimi dati dello Us Electoral Project della Università della Florida, a quattro giorni dalle elezioni presidenziali gli americani avevano già votato sono 84 milioni, di cui 30 milioni in persona e 54 milioni per posta.

Sulle oltre 54 milioni di schede richieste per il voto postale, però, oltre 38 milioni non sono ancora tornate indietro.

A fronte di questo ricorso massiccio al voto anticipato, c’è da aspettarsi un divario nel conteggio delle schede postali: alcuni Stati saranno più veloci, altri più lenti: questo perché alcuni iniziano subito a verificarle, aprirle (e contattare gli elettori per risolvere i problemi), altri tra cui Pennsylvania, Michigan e Wisconsin — i tre Stati del Midwest che garantirono la vittoria a Trump nel 2016 — iniziano a verificare le schede postali solo nel giorno del voto o poco prima.

Non solo voto postale, gli altri fattori di incertezza

Nel caso di un serrato testa a testa tra Donald Trump e Joe Biden, si potrebbe di conseguenza dover attendere anche giorni per capire chi è il vincitore, senza considerare i rischi di ricorsi in virtù del massiccio ricorso al voto postale.

C’è poi un altro fattore nelle elezioni Usa, che spaventa milioni di americani. Donald Trump, in difficoltà nei sondaggi, ha detto espressamente che  potrebbe non riconoscere una eventuale sconfitta proprio per la scarsa fiducia nel meccanismo del voto per posta.

Elezioni, giorno e orari

Ma veniamo a quello che appare certo. Con l’eccezione del Colorado e in Oregon dove, a causa della pandemia, si può votare solo per posta, negli altri Stati le urne rimangono aperte dalle 7 del mattino alle 8 di sera, orario locale. Di conseguenza, è ragionevole pensare che in Italia i primi risultati si avranno a notte fonda.