ELEZIONI USA: IMPATTO SU SETTORE AEROSPAZIALE UE

di Redazione Wall Street Italia
7 Novembre 2000 18:47

L’ufficio londinese della banca d’affari Merrill Lynch ha diffuso questa mattina un rapporto in cui si valuta l’impatto delle elezioni presidenziali americane sull’industria europea della difesa e aerospaziale.

Questo lo scenario che Merrill Lynch prefigura:

Vittoria del candidato repubblicano George W. Bush

In generale e’ opinione corrente che il partito repubblicano sia piu’ ‘bellicoso’ e favorevole a spendere per la difesa.

Siamo tuttavia scettici circa l’aumento della spesa militare e prevediamo che l’ammodernamento del sistema conterra’ l’aumento tra il 5% e il 6% annuo. Occorre inoltre ricordare che Bush non ha mai indicato cifre precise e che il suo programma di riduzione fiscale rischia di entrare in rotta di collisione con le reali possibilita’ di spesa.

Sotto il profilo della politica estera, Bush ha indicato una preferenza a ridurre gli interventi oltreoceano e quindi – a esempio – potrebbero essere ritirate le forze di pace attualmente di stanza nella regione dei Balcani.

Se questo atteggiamento si spingesse verso un atteggiamento isolazionista, potrebbe derivarne un impulso all’aumento della spesa militare europea.

Nonostante la capacita’ militare europea si notoriamente inferiore a quella americana, non siamo tuttavia convinti che questo portera’ a un incremento del budget.

Vittoria del candidato democratico Al Gore

Nonostante il partito repubblicano sia generalmente considerato piu’ propenso a finanziare la difesa, esiste una diffusa aspettative per un incremento della spesa militare da parte di Gore.

Confermiamo anche in questo caso lo scetticismo per l’aumento della spesa militare e prevediamo che l’ammodernamento del sistema conterra’ l’aumento tra il 5% e il 6% annuo.

Gore ha promesso una spesa addizionale di $100 miliardi entro il 2010, suggerendo un incremento pari al 3% rispetto ai piani attuali. Resta da vedere se questo sara’ compatibile con le altre priorita’ del governo.

E’ nostra convinzione che Gore rappresenti la continuita’ sia dal punto di vista della spesa che delle scelte di politica estera.

Implicazioni per i titoli europei

Solo BAE SYSTEMS e Rolls-Royce hanno interessi nel mercato Usa della difesa, che conta rispettivamente per il 20% e l’11% nelle previsioni sul fatturato del 2001.

Sotto il profilo della valutazione degli indicatori, abbiamo la sensazione che il recente entusiasno per i titoli delle industrie americane che operano nel settore della difesa non sia correlato alle effettive prospettive di crescita e riteniamo che si assistera’ a un approccio piu’ cauto.

Il fattore chiave da tenere in considerazione e’ quello dell’isolazionismo’: se la vittoria di Bush provochera’ un vuoto in Europa, la spesa per la difesa nel Vecchio continente potrebbe aumentare, con effetti positivi per l’industria del settore.

Per una copertura completa vedi ELEZIONI USA:
SPECIALE WALL STREET ITALIA