ELEZIONI USA: CORTE FLORIDA RESPINGE APPELLO

12 Dicembre 2000, di Redazione Wall Street Italia

La Corte suprema dello Stato della Florida ha rigettato l’appello dei democratici per l’annullamento di 25.000 voti nelle contee di Seminole e Martin.

I giudici hanno ritenuto che irregolarita’ formali siano state commesse attraverso la compilazione dei moduli di registrazione per il voto dai responsabili del partito repubblicano, ma non hanno ravvisato ne’ gli estremi di una frode ne’ altre circostanze tali da richiedere l’annullamento dei voti.

La sentenza segna un’ennesima dura sconfitta per la causa del candidato democratico Al Gore.

L’ultima parola su queste tormentate elezioni spetta ora alla Corte suprema federale che deve decidere se autorizzare o meno la riconta manuale delle schede contestate.

A Washington, dopo tanti falsi allarmi, nessuno ha idea di quando i giudici pronunceranno il verdetto.

Per una copertura completa vedi ELEZIONI USA:
SPECIALE WALL STREET ITALIA