Elezioni: «Liste indegne»

12 Ottobre 2010, di Redazione Wall Street Italia

Sos liste amministrative dal Presidente della Antimafia Beppe Pisanu che, nel corso della seduta odierna della commissione dedicata al Codice di autoregolamentazione sulla formazione delle liste elettorali, ha denunciato come “le liste amministrative sono piene di gente indegna di rappresentare chiunque”, denunciando la mancata collaborazione con l’Antimafia della maggior parte delle Prefetture che non ha inviato i dati richiesti dalla commissione indispensabili per la redazione del Codice.

In questo senso, la commissione su proposta dello stesso Pisanu, ha deliberato di inviare appositi schedari alle Prefetture la cui mancata risposta comporterà la convocazione dei Prefetti a San Macuto. Una ‘censura’ all’amministrazione governativa provinciale che il Pd fa propria e traduce in un’accusa di “muro di gomma” e “mancanza di collaborazione” da parte del Governo Berlusconi, a partire dal Viminale.

“Quanto ha detto oggi il Presidente Pisanu -dice la capogruppo Pd in Antimafia Laura Garavini, riferendo della seduta odierna -è lo specchio fedele di una situazione gravissima di cui ancora oggi, a sei mesi dalle elezioni, non abbiamo un quadro preciso anche per la scarsa collaborazione di organi delicati come le Prefetture. Il Ministero dell’Interno fino ad oggi si è semplicemente disinteressato del problema, opponendo un muro di gomma alla maggior parte delle richieste di informazione avanzate dalla Commissione. Al punto che, ad esempio, una Prefettura importante e delicata come quella di Milano non ha dato alcun seguito alle specifiche richieste della Commissione”.

D’altra parte, accusa ancora la capogruppo Pd, “lo stesso Ministro dell’Interno nulla ha fatto per accertare se, nei comuni e nelle ASL della Lombardia di cui si parla ampiamente nelle operazioni contro la ‘ndrangheta portate a termine nel mese di luglio, ci fossero situazioni di reale condizionamento mafioso”. Ed “ha preferito fare finta di nulla per non dover constatare che le mafie si sono ben insediate in quel territorio ed hanno ottimi rapporti con esponenti politici della sua maggioranza”.