ECONOMIA, TUTTI DICONO LA STESSA COSA: RECESSIONE NON FINITA, MA QUASI

2 Agosto 2009, di Redazione Wall Street Italia

Ci sono segnali che l’economia americana sta iniziando a migliorare. Lo ha detto il segretario al Tesoro americano Timothy Geithner. Ma ulteriori azioni per cementare la ripresa – ha precisato – potrebbero essere necessarie. L’amministrazione Obama potrebbe valutare la possibilita’ di estendere ulteriormente i sussidi alla disoccupazione visto l’aumento dei disoccupati.

Vuoi sapere cosa comprano e vendono gli Insider di Wall Street? Prova ad abbonarti a INSIDER: costa meno di 1 euro al giorno. Clicca sul link INSIDER

Anche per l’ex presidente della Fed, Alan Greenspan, la recessione non e’ ancora alla spalle ma la fine e’ vicina. Secondo Greenspan, lo stato di salute del sistema finanziario e’ molto migliorato. L’ipotesi di un collasso del sistema ‘non e’ piu’ sul tavolo’. L’ex presidente della Fed si attende che la disoccupazione continuera’ ad aumentare. Ma – constata – la fiducia sta tornando, come dimostra il successo del piano per la rottamazione di auto, i cui fondi sono stati esauriti in meno di una settimana.

Per il consigliere economico della casa Bianca Lawrence Summers, ‘e’ molto probabile’ che l’economia americana torni a crescere nella seconda parte dell’anno. Il pil Usa del secondo trimestre si e’ contratto dell’1% e quello che si e’ appena chiuso dovrebbe essere l’ultimo trimestre di contrazione. Il periodo luglio-settembre dovrebbe gia’ registrare un’inversione di tendenza.