ECONOMIA: MIGLIORANO LE CONDIZIONI, MA CONFUSIONE SUL DOPO

16 Settembre 2009, di Redazione Wall Street Italia

(WSI) – Tassi di interesse: in area Euro i tassi di mercato sono saliti su tutta la curva a fronte di una chiusura positiva dei listini azionari. In Germania l’indice Zew di settembre ha registrato un miglioramento sia della componente prospettica che di quella corrente anche se inferiore alle attese di mercato. All’interno si evidenzia un miglioramento di tutti i settori ad eccezione dell’auto (-43,3 da -27,3).

Hai approfittato del maxi-rialzo dello S&P500 da marzo ad agosto? Ora per continuare a guadagnare, abbonati a INSIDER: costa meno di 1 euro al giorno. Clicca su INSIDER

Continuano le dichiarazioni dei membri Bce sulle migliori condizioni economiche dell’area. Ieri Nowotny, capo della banca centrale austriaca, ha dichiarato che il calo della crescita è finito e che l’economia si dovrebbe stabilizzare nel 2010. Anche se positiva la crescita del 2010 non sarà tuttavia sufficiente ad interrompere il rialzo del tasso di disoccupazione. Stark invece ha affermato che la Bce potrebbe alzare i tassi prima che i problemi del mercato monetario si siano attenuati per evitare un forte rialzo dei prezzi.

Stark inoltre ha aggiunto che la scadenza e la dimensione delle operazioni messe in atto dall’istituto potrebbero ridursi automaticamente a partire dal prossimo anno. In Germania oggi è prevista la riapertura in asta del Bund a dieci anni fino a 5 Mld€. Negli Usa tassi di mercato in rialzo sulla scia della continuazione del rally dei mercati azionari.

Le parole pronunciate ieri dal governatore della Fed sono state eloquenti: “…da un punto di vista tecnico la recessione è stata verosimilmente superata” aggiungendo anche che in prospettiva le attese sono per un periodo di crescita molto debole. Diversi sono stati gli interventi di autorevoli esponenti del mondo finanziario che hanno disegnato un quadro favorevole per i mercati azionari nei prossimi mesi: dal celebre operatore Warren Buffett all’altrettanto celebre Kenneth Fisher.

Per quanto possa sembrare paradossale si assiste contestualmente anche a prospettive delineate in senso positivo per il mercato obbligazionario: è il caso ad esempio di Goldman Sachs che ha prospettato un obiettivo del 3% in termini di tasso decennale sui Treasury. Allo stesso tempo Pimco ha dichiarato di aver portato la quota di bond collegati al mondo governativo al livello massimo degli ultimi cinque anni.

La ragione addotta in questi casi fa riferimento all’attesa di un lungo periodo di bassa inflazione o di disinflazione come ha dichiarato ad esempio Greenspan. Anche questa può sembrare una ragione paradossale se dall’altro lato il forte rally dell’oro viene spesso giustificato sulla base di timori inflattivi. Sul fronte macro le vendite al dettaglio di agosto hanno confermato l’impatto positivo del piano di rottamazione auto evidenziando al contempo un recupero di diverse voci di spesa. Nel breve supporto a 3,40% sul decennale.

Valute: Dollaro in marcato deprezzamento verso Euro sulla scia della prosecuzione del rally azionario che verosimilmente aumenta l’utilizzo del biglietto verde in chiave di valuta di finanziamento delle operazioni di carry trade. Nel breve la prima resistenza si colloca a quota 1,4750. Yen sostanzialmente stabile verso Euro dopo le dichiarazioni del nuovo ministro delle Finanze Fujii che si è detto contrario alla politica di interventi sul mercato valutario. Nel breve il principale supporto si colloca in area 131.

Materie Prime: forte rialzo per il greggio WTI ieri (+3%) dopo le parole di Bernanke sulla probabile fine della recessione, tornato in prossimità dei 71 $/b. Positivi anche tutti gli altri energetici ad eccezione del Brent. Tra gli agricoli molto bene il mais (+9%) e la soia (+5,6%) dopo le voci su un crollo delle temperature atteso per la prossima settimana che potrebbe danneggiare il raccolto negli USA. Rialzi per tutti gli industriali. Bene i suini (+4,9%). Positivi i preziosi.

Copyright © Servizio Market Strategy MPS Capital Services per Wall Street Italia, Inc. Riproduzione vietata. All rights reserved

*Questo documento e’ stato preparato da MPS Capital Services ed e’ rivolto esclusivamente ad investitori istituzionali ovvero ad operatori qualificati, così come definiti nell’art. 31 del Regolamento Consob n° 11522 del 1° luglio 1998 e successive modifiche ed integrazioni. Le analisi qui pubblicate non implicano responsabilita’ alcuna per Wall Street Italia, che notoriamente non svolge alcuna attivita’ di trading e pubblica tali indicazioni a puro scopo informativo. Si prega di leggere, a questo proposito, il disclaimer ufficiale di WSI.