ECONOMIA: FMI MIGLIORA LE STIME DI CRESCITA

8 Luglio 2009, di Redazione Wall Street Italia

Il Fondo Monetario Internazionale rivede le stime di crescita per l’Italia. Nel 2009, l’economia italiana si contrarra’ del 5,1%. Una contrazione maggiore rispetto al -4,4% previsto in aprile. Nel 2010 la contrazione sara’ pari ad un -0,1%, a fronte del precedente -0,4% stimato.

Anche l’economia di Eurolandia si contrarra: nel 2009 del 4,8% contro il -4,2% previsto in aprile. Nel 2010 la contrazione sara’ -0,3%. In particolare la Germania subira’ nel 2009 un calo del 6,2%, mentre, nel 2010 la flessione sara’ -0,6 %. In Francia, nel 2009, il Pil calera’ del 3,0% e nel 2010 crescera’ dello 0,4%. Fuori area euro,il Regno Unito accusera’un calo del 4,2% ,risalira’ a +0,2% nel 2010.

Confermando le stime contenute nell’Article IV per gli Usa pubblicato in giugno, il Fondo Monetario Internazionale afferma che l’economia americana calera’ quest’anno del 2,6%, mentre, il prossimo anno, mettera’ a segno un +0,8%. In aprile il Fondo aveva stimato, per l’Azienda America una contrazione del 2,8% nel 2009 e crescita zero nel 2010.