ECONOMIA: DECENNI PER RIPRENDERSI DA 11 SETTEMBRE

9 Aprile 2003, di Redazione Wall Street Italia

Ci vorranno decenni perché l’impatto negativo sulla fiducia e sull’economia degli attacchi terroristici dell’11 Settembre sia assorbito: lo ha oggi detto, in una conferenza stampa, Kenneth Rogoff, consigliere economico del Fondo monetario internazionale e direttore del Dipartimento della Ricerca.

Rogoff, che presentava le previsioni economiche alla vigilia delle riunioni di primavera del Fondo e della Banca Mondiale, ha affermato: “Dobbiamo riconoscere la possibilità che, anche se le incertezze collegate alla Guerra del Golfo 2 si stanno attenuando, le percezioni della sicurezza non ritorneranno ai livelli antecedenti l’11 Settembre per decenni, il che implica costi di assicurazione più alti, minore fiducia, costi degli scambi più alti e un ritmo più lento dell’integrazione economica globale”. Questi fattori potrebbero ancora ricondurre, ha osservato Rogoff, la crescita “normale” dal 4,1% al 3,75% nel 2004.