Draghi promosso a pieni voti: cosa accadrà sulla scena politica italiana

17 Gennaio 2022, di Alessandra Caparello

Promozione a pieni voti per il premier italiano Mario Draghi scrive la Cnbc che parla di A in pagella, anche se i poteri dell’ex numero uno della Bce oggi a capo dell’esecutivo tricolore stanno in un certo senso svanendo. Si appresta al tramonto l’era Draghi?

Draghi promosso dagli esperti

“Grazie alla solidarietà europea e alla capacità dell’Italia di gestire efficacemente la pandemia, l’economia italiana sta crescendo più in fretta che in qualunque altro momento dall’inizio di questo secolo. Il Pil italiano ritornerà ai livelli pre-crisi già entro la metà del prossimo anno”. Queste le parole della presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen appena qualche settimana fa. Se le letture finali del PIL per il 2021 sono previste solo il mese prossimo, i dati trimestrali indicano un rimbalzo economico in Italia nel corso dell’anno.

L’Italia ha subito un massiccio shock economico dovuto alla pandemia del coronavirus, ma le sue prospettive ora sembrano molto più rosee con gli economisti che lodano il lavoro del primo ministro Mario Draghi per gran parte di questa nuova stabilità economica scrive sull’emittente Silvia Amaro riportando le dichiarazioni di Gilles Moec, capo economista del gruppo AXA Investment Managers.

“”Nel 2021, l’Italia ha fatto abbastanza bene (…) C’è un capo e un senso di direzione”.

Draghi ha giurato come primo ministro dell’Italia quasi un anno fa, nel febbraio 2021, ponendosi alla guida di un governo composto da politici di diversi partiti e alcuni tecnocrati. Il suo obiettivo era quello di dare stabilità alla nazione in un momento in cui i politici tradizionali non riuscivano a mettersi d’accordo su come investire i fondi di recupero dell’UE e mitigare lo shock economico della pandemia. E ci è riuscito, secondo gli economisti.

“Nonostante una decelerazione dei servizi, la crescita trimestrale nel [quarto] trimestre dovrebbe essere stata sufficiente a garantire una lettura di crescita media del PIL del 6,3% nel 2021”, ha detto Paolo Pizzoli, economista senior di ING, in una nota di ricerca giovedì. Tuttavia, ci sono due principali riforme strutturali e un fattore chiave che hanno alleviato alcune delle pressioni economiche durante il mandato di Draghi finora, ha sostenuto Guidogiorgio Bodrato, economista di Berenberg. Bodrato ha citato la riforma giudiziaria – approvata a settembre e che potrebbe migliorare l’attrattiva dell’Italia per gli investitori stranieri – e le modifiche alla pubblica amministrazione per accelerarne l’efficienza.

“Il risultato economico più importante di Draghi è stata la stesura del PNRR: un impegno pluriennale dettagliato di investimenti e riforme che dovrà essere seguito dal governo da qui al 2026”, ha continuato email Luca Pennarola, economista europeo di BNP Paribas. “Questo significa che qualsiasi governo salirà al potere nei prossimi anni dovrà seguire il copione di Draghi per garantire l’accesso ai fondi UE”, ha aggiunto.

Tuttavia sottolineano gli economisti che i dati disponibili non riflettono ancora pienamente i miglioramenti, poiché c’è un certo ritardo tra l’attuazione delle politiche e l’impatto economico.

Le sfide future dell’Italia

Ora che l’Italia sta per scegliere un nuovo presidente della Repubblica, con le elezioni alla fine di questo mese, ci sono punti interrogativi sul fatto che questa stabilità e performance economica potrebbe essere in qualche modo minata.

Questo perché Draghi stesso è tra i candidati alla presidenza, il che aprirebbe la porta a un nuovo primo ministro e, potenzialmente, a elezioni anticipate. “Nonostante i miglioramenti, l’Italia è “ancora in una posizione complicata”, ha detto Moec il quale ha notato che con i tassi di interesse che dovrebbero salire quest’anno, potrebbe essere sempre più costoso per il governo italiano attingere ai mercati per aiutare la sua ripresa. Questo è un problema significativo dato che l’Italia ha uno dei più alti cumuli di debito in Europa.

Inoltre, l’attuale governo ha una data di scadenza nel 2023 con nuove elezioni legislative. Quindi la questione di chi sostituirà Draghi, se non è imminente sulla scia del voto presidenziale, riemergerà inevitabilmente fra un paio di mesi.

Nel frattempo, ci sono già alcuni segni di attrito all’interno del governo in carica. Tra questi, la mancanza di unanimità sulla necessità di introdurre le vaccinazioni obbligatorie in Italia.