Draghi: presto per dire “missione compiuta”

3 Marzo 2014, di Redazione Wall Street Italia

ROMA (WSI) – “Oggi possiamo affermare con sicurezza che il peggio è stato evitato” nella crisi dell’area euro, ha affermato il presidente della Bce Mario Draghi durante una audizione al parlamento europeo.

“Molti – ha notato – avevano sottovalutato la volontà di difendere l’euro” di istituzioni e paesi europei. In futuro l’area euro “sarà meglio preparata” per affrontare eventuali crisi, ha aggiunto.

Tuttavia al tempo stesso “è presto per dichiarare ‘missione compiuta’” – ha aggiunto Draghi -. La disoccupazione resta inaccettabilmente alta”.

La crisi in Ucraina “può avere un impatto” sull’economia dell’area euro, ha avvertito. La questione va inquadrata sotto due aspetti. “ci sta un lato più tecnico, e qui se guardiamo a legami finanziari vediamo che sono piuttosto ridotti”.

L’Ucraina pesa meno dell’1 per cento sulla domanda alla base dell’export dell’area euro. “Visto da questa prospettiva è probabile che l’impatto sia relativamente limitato”.

“Tuttavia la dimensione geopolitica è molto diversa, e questa dimensione potrebbe avere una forza e una capacità di incidere sugli eventi che potrebbe andare oltre i meri legami che si evidenziano dai dati statistici. Quindi – ha concluso Draghi – penso che dovremmo guardare la situazione con grade attenzione e sapere che non è solo questione di politica monetaria che può avere impatto sull’economia”.

(TMNEWS)