DOW REPORT: ANALISI SETTIMANALE TITOLI 190804

19 Agosto 2004, di Redazione Wall Street Italia

SOTTO LA LENTE:

BOEING: test impegnativo a 51.00/52.00

Il movimento rialzista che caratterizza Boeing (PR 50.74 usd) da inizio 2003 ha portato le quotazioni in prossimità dell’importante resistenza statica a quota 51.00/52.00.
Se prendiamo in considerazione i minimi di marzo-aprile 2003, a 25 dollari, possiamo notare che il rally degli ultimi 16 mesi ha determinato una salita pari a circa il 106%.

Previsioni: per le prossime sedute appare probabile il test e il superamento della resistenza a 51.00/52.00, cui seguirebbe un rally con obiettivo quota 55.00, dove sono attese nuove vendite. Solo a superamento quest’ultimo livello si aprirebbero ulteriori spazi di salita verso 60.00. Le spinte rialziste si attenuerebbero invece al di sotto di 48.00.

In termini di Relative Performance nei confronti del Dow Jones IA, si può notare nel grafico l’andamento positivo che ha caratterizzato il titolo nell’ultimo anno e mezzo.

*************

Procter & Gamble (PC 55.20 USD – è stato effettuato uno split 2X1 il 21 giugno 2004)
A marzo 2003 il titolo ha ripreso con forza il movimento rialzista avviatosi ad aprile 2001. Il superamento della forte resistenza a quota 48.00, nell’ottobre del 2003, ha fornito nuovo carburante alla salita, consentendo alle quotazioni di superare anche il livello statico a 52.00.
Finché le quotazioni si mantengono al di sopra di 52.00, il quadro tecnico rimane positivo. Il movimento di congestione che ha caratterizzato il titolo da metà luglio a metà agosto dovrebbe preludere a una salita a testare 57.00, dove sono attese prese di beneficio. Il superamento di quota 57.00 proporrebbe poi il test di 60.00/61.00.
Un’attenuazione delle pressioni rialziste arriverebbe da un ritorno al di sotto di 52.00, ma un segnale di debolezza si avrebbe solo in caso di violazione del supporto dinamico a quota 49.00/50.00.

IBM (PC 85.13 USD)
Il titolo si è mosso in un canale rialzista di ampiezza pari a circa il 14% da marzo 2003 a metà aprile 2004. A fine aprile le quotazioni hanno violato il supporto dinamico a quota 90.00 avviando una discesa verso 82.00/83.00.
Nelle ultime settimane il titolo ha avviato un movimento di consolidamento al di sopra di 83.00/85.00 che dovrebbe ricondurre le quotazioni in prossimità di 87.00/88.00, dove però sono attese nuove vendite.
Un chiaro segnale positivo verrebbe da un ritorno al di sopra della resistenza a 92.00, ma solo con il superamento di 94.50 potremmo tornare a ipotizzare un movimento laterale fra 90.00 e 101.00/102.00.
Un ritorno delle pressioni ribassiste, evidenziato da una violazione del supporto a 82.00, avvierebbe nuove discese verso 78.00 e quindi 75.00.

United Technologies (PC 92.90 USD)
Dopo aver raggiunto nuovi massimi in prossimità di quota 98.00 nei primi mesi del 2004, il titolo ha avviato una robusta correzione, arrivando al supporto a quota 80.00, dove sono ritornati gli acquisti.
Per le prossime sedute il quadro tecnico appare laterale/moderatamente rialzista, fra il supporto a 84.00/85.00 e la resistenza a 95.00, con livello intermedio a quota 92.00 e possibili estensioni verso l’alto a 97.00/98.00. Il quadro si deteriorerebbe in caso di violazione di 84.00, cui seguirebbe una discesa a testare il livello di supporto critico a 79.00/80.00.

Caterpillar (PC 72.50 USD)
Il prolungato movimento rialzista avviatosi a ottobre 2002 ha consentito al titolo di arrivare a testare più volte area 85.00/87.00 tra dicembre 2003 e lo scorso gennaio. Da inizio 2004 si è poi avviato un movimento laterale/ribassista all’interno di un canale di ampiezza pari a circa il 14%.
Per le prossime settimane il quadro tecnico appare a rischio, con possibili discese verso 68.00 e quindi 65.00.
Occorrerà attendere un ritorno al di sopra di quota 78.00 per avere un segnale positivo sul titolo.

American International Group (PC 69.97 USD)

Da gennaio a metà luglio 2004, il titolo si è mosso in una banda laterale di ampiezza pari a circa il 12%, compresa fra 68.00/69.00 e 77.00/78.00. La violazione del supporto a 68.00, avvenuta a luglio, ha portato il titolo verso 66.00, al di sopra del quale si è avviato un tentativo di consolidamento.
Il quadro tecnico appare ancora a rischio e un effettivo miglioramento si avrà solo a seguito di un ritorno al di sopra di quota 72.00, il livello spartiacque della banda laterale sopra indicata.
Per le prossime sedute, finché le quotazioni si mantengono sopra 66.00, rimane comunque possibile il test di quota 72.00, dove sono attese prese di beneficio.
La violazione di 66.00, segnalerebbe un chiaro deterioramento del quadro tecnico, con il rischio di discese verso 63.00 e quindi 60.00.

Altria Group (PC 48.33 USD)
A marzo 2004 si è avviato un pesante movimento correttivo che ha portato il titolo a toccare un minimo relativo a 44.75 a metà maggio. Nelle ultime settimane si è verificato un tentativo di consolidamento al di sopra di quota 46.00.
Per le prossime sedute rimane probabile un movimento di consolidamento fra 46.00 e 51.00/52.00, e solo un ritorno sopra quest’ultimo livello potrebbe determinare una prima ripresa delle pressioni al rialzo, con obiettivo 59.00/60.00.
L’eventuale violazione del supporto a 46.00 avvierebbe un’ulteriore discesa a testare il livello statico a 40.00, dove dovrebbero tornare gli acquisti.

**************

NOVITÀ! Dal 6 agosto 2004 operativo anche:
Ogni venerdì, agg. martedì/mercoledì, segnali long/short sul derivato, con orizzonte multiday

Il nuovo servizio sarà in prova gratuita per 1 mese sulla Piattaforma SELLA ADVICE TRADING, sul trading-on-line

Gli altri servizi disponibili, anch’essi in prova gratuita per 1 mese, sono:

‘Segnali Fib30 infraday’ (segnali quotidiani long/short sul future, con orizzonte infraday);

Segnali Titoli Italia (segnali quotidiani di trading long/short sui principali titoli azionari italiani, con orizzonte infraday – 1 settimana);

Segnali Titoli Italia Multiday (ogni lunedì e mercoledì, segnali di trading long/short sui principali titoli azionari italiani, con orizzonte infraday – 1 settimana);

Segnali Portafogli Italia (ogni venerdì segnali solo long sui principali titoli azionari italiani, con orizzonte 1 – 3 mesi);

Per informazioni: www.sella.it/banca_on_line/trading/analisi/advice.jsp Consulta anche il manuale ed i tracker;

LEGENDA

Brevissimo periodo: 1-2 giorni
Breve periodo: 2-10 giorni.
Medio periodo: 10-30 giorni.
Lungo periodo: oltre i 30 giorni.

PC: prezzo corrente, ovvero prezzo di mercato al momento dell’analisi.
PR: prezzo di riferimento, inteso come prezzo di chiusura della seduta precedente.

momentum: indica la velocità/accelerazione del mercato “pesata” per i volumi.
mm: media mobile.

NB:
Il presente report dev’essere inteso come fonte di informazione e non può, in nessun caso, essere considerato un’offerta o una sollecitazione all’acquisto o alla vendita di valori mobiliari. Le informazioni contenute in questo studio sono frutto di notizie e opinioni che possono essere modificate in qualsiasi momento senza preavviso.

Ai sensi dell’art. 69, comma 1, punto c, del Regolamento Emittenti della Consob, Banca Sella segnala che potrebbe avere un proprio specifico interesse riguardo agli emittenti, agli strumenti finanziari o alle operazioni oggetto di analisi