Deutsche Bank ha perso 1,6 miliardi con una singola operazione che ha coinvolto Buffett

21 Febbraio 2019, di Livia Liberatore

Deutsche Bank ha perso 1 miliardo e 600 milioni di dollari in uno scambio obbligazionario che ha coinvolto la Berkshire Hathaway di Warren Buffett.

Lo riporta il Wall Street Journal. La perdita è una delle più grandi di sempre subite da Deutsche Bank in una singola operazione. E l’istituto di credito tedesco non l’aveva mai comunicata in precedenza.

È avvenuta in un periodo di tempo di quasi un decennio per un complesso investimento obbligazionario municipale che la prima banca di Germania ha fatto in previsione della crisi finanziaria del 2008. Ma la società non è riuscita a confrontarsi con la contrazione dei mercati e l’inasprimento delle normative.

Secondo alla ricostruzione dell’articolo, nel 2007 la banca ha comprato un portafoglio di obbligazioni municipali da 7,8 miliardi di dollari. L’anno seguente, Deutsche ha acquistato la protezione predefinita da Berkshire Hathaway per l’investimento, pagando 140 milioni di dollari in anticipo per la transazione.

Deutsche Bank: operazione in linea con gli standard contabili

L’operazione si è alla fine conclusa con la decisione di Deutsche Bank di vendere le obbligazioni in perdita e di ritirare la sua assicurazione Berkshire, riconoscendo la perdita di 1,6 miliardi di dollari nel 2016.

I revisori dei conti finanziari di KPMG hanno anche messo in dubbio che la banca avesse stanziato fondi sufficienti per coprire potenziali perdite. Deutsche Bank ha però smentito queste preoccupazioni.

“Questa transazione è stata svolta nel 2016 come parte della chiusura della nostra unità operativa non ‘core‘”, ha detto un portavoce della banca al Wall Street Journal. “Avvocati e revisori esterni hanno esaminato la transazione e confermato che era in linea con gli standard e le pratiche contabili”.

I dirigenti della Deutsche Bank non avevano mai deciso di rideterminare il proprio bilancio per includere le perdite prima di un’indagine interna conclusa l’anno scorso, riporta l’articolo.