DATEMI UNA LEVA

13 Agosto 2007, di Redazione Wall Street Italia

*Pierpaolo Scandurra è Managing Director di www.certificatiederivati.it. I suoi commenti non implicano responsabilita’ alcuna per Wall Street Italia, che notoriamente non svolge alcuna attivita’ di trading e pubblica tali indicazioni a puro scopo informativo. Si prega di leggere, a questo proposito, il disclaimer ufficiale di WSI.

_______________________________________

(WSI) –
Erano ormai diversi anni che non si vedeva sui mercati azionari una volatilità a simili livelli. Cambiamenti di direzione repentini e rovesciamenti di trend da +1% a -1% nel corso della stessa seduta. Uno dei pochi indici immuni dal ritorno della volatilità è il Nikkei, da tempo inserito in una congestione compresa tra i 16.000 e 18000 punti. Incertezza è dunque la parola d’ordine di questa estate 2007. Ma dal primo agosto l’investitore italiano può contare su una novità proveniente ancora una volta dall’attivissimo segmento dei certificati di investimento, sempre più gremito di strumenti capaci di adattarsi ad ogni scenario di mercato: questa volta però, più che di una struttura totalmente inedita si tratta di un’evoluzione dell’ormai noto e apprezzato Twin Win, il certificato che paga indifferentemente sia il rialzo che il ribasso dell’attività sottostante a patto che il ribasso non sia particolarmente gravoso.

Dopo aver assistito ad emissioni dotate di livelli barriera più o meno distanti dai livelli di emissione ( è proprio alla barriera e alla sua tenuta che è legato il successo di una struttura Twin Win) e tassi di partecipazione con leve fino al 180% sia al rialzo che al ribasso, Sal Oppenheim porta in collocamento fino al 24 agosto il primo Twin Win dotato di leva in entrambe le direzioni.Il sottostante scelto è proprio il Nikkei 225 e nel dettaglio il certificato offre a scadenza ( fissata per il 31 agosto 2012) una partecipazione con leva del 135% agli incrementi dell’indice asiatico ma, rispetto alle strutture fin qui emesse, anche ai ribassi con l’unica condizione che non venga mai infranto il livello barriera posto al 60% del livello iniziale dell’indice. Il tutto, inoltre, senza alcun rischio di cambio, grazie alla struttura Quanto, che converte convenzionalmente uno yen in un euro.

Volendo semplificare gli scenari di rendimento a scadenza ed ipotizzando un rialzo dell’indice nella misura del 50%, si beneficerà al termine dei cinque anni di un guadagno del 67,5% grazie al fattore leva dell’1,35; ipotizzando invece uno scenario ribassista, se durante la vita del prodotto l’indice non avrà mai perso almeno il 40% del proprio valore iniziale, si otterrà un guadagno del 40,5% anche in caso di perdita del Nikkei pari al 30%.

Si può quindi dire che se nei prossimi cinque anni l’indice nipponico non perderà mai almeno il 40% , il guadagno a scadenza anche in caso di lieve variazione sarà certo e quasi certamente superiore a quello realizzato dall’indice pur considerando il mancato incasso dei dividendi ( inferiori all’1,5% annuo) . Solo in caso di evento barriera il certificato replicherà linearmente l’andamento dell’indice, e le perdite subite dal Nikkei resteranno tali anche per il Twin Win. Ma attenzione, perché se dopo aver toccato la soglia barriera l’indice risalirà al punto da recuperare il livello di emissione, resterà inalterata l’opportunità di partecipare alla variazione positiva con la leva del 135%.Il Twin Win Quanto è sottoscrivibile presso FinecoBank con un importo minimo di 100 euro e a partire dal 3 settembre ( cioè al termine del periodo di collocamento) sarà quotato sul mercato SSO di Fineco. Codice ISIN: DE000SAL5BV6

Copyright © www.certificatiederivati.it per Wall Street Italia, Inc. Riproduzione vietata. All rights reserved