Crisi energetica: per l’AIE è tutta colpa della Russia

13 Gennaio 2022, di Alessandra Caparello

La crisi energetica in Europa? E’ tutta colpa della Russia. Così il capo dell’Agenzia Internazionale dell’Energia (AIE), Fatih Birol che ha accusato il Cremlino di orchestrare l’aggravarsi della crisi in un momento di forti tensioni geopolitiche, trattenendo fino a un terzo delle sue esportazioni di gas.

AIE contro la Russia per la crisi energetica

Come riporta il Guardian, il direttore esecutivo dell’AIE, ha incolpato direttamente il comportamento della Russia per i prezzi record del mercato dell’energia in Europa quest’inverno, che minacciano di sconvolgere gran parte dell’economia europea e di far precipitare milioni di persone in una crisi del costo della vita.
Birol ha sottolineato che i bassi livelli storici di stoccaggio del gas in tutta Europa sono in gran parte dovuti alla società statale russa del gas, Gazprom, che ha inviato circa il 25% in meno di gas rispetto al solito in Europa negli ultimi mesi, nonostante un’impennata della domanda dopo il crollo economico del 2020.

“Crediamo che ci siano forti elementi di tensione nel mercato europeo del gas a causa del comportamento della Russia”, ha detto Birol ai giornalisti. “Vorrei notare che i bassi flussi di gas russo verso l’Europa di oggi coincidono con l’aumento delle tensioni geopolitiche sull’Ucraina”.

La critica più pesante dell’AIE alla politica energetica della Russia è emersa dopo che il Cremlino ha minimizzato le speranze di soluzioni diplomatiche per la crisi ucraina in corso, prima di un incontro a Bruxelles tra la Russia e i 30 stati membri della NATO. Questa settimana le forze russe schierate lungo il confine con l’Ucraina hanno condotto un’esercitazione militare con 3.000 truppe e carri armati, in un chiaro rifiuto delle richieste statunitensi per una de-escalation nella regione.

Allo stesso tempo, il più grande fornitore di gas al mondo ha scelto di tenere sotto controllo le esportazioni di gas verso l’Europa, dove i prezzi di mercato hanno superato i massimi storici di settembre per raggiungere un nuovo record il mese scorso. Gli analisti stimano che i prezzi del gas in Europa potrebbero diminuire della metà se la Russia accettasse di aumentare le sue esportazioni del 20%. Gazprom dal canto suo ha affermato che sta rispettando tutte le sue esportazioni contrattate con le società europee.

“L’attuale deficit di stoccaggio nell’Unione Europea è in gran parte dovuto a Gazprom”, ha detto Birol. “I bassi livelli di stoccaggio negli impianti dell’azienda con sede nell’UE rappresentano la metà del deficit di stoccaggio dell’UE, anche se gli impianti di Gazprom costituiscono solo il 10% della capacità totale di stoccaggio dell’UE”.

Chris O’Shea, il capo del più grande fornitore di energia domestica del Regno Unito, British Gas, ha avvertito che i prezzi rimarranno probabilmente alti per almeno altri due anni, sulla base delle attuali prospettive dei mercati energetici globali e della continua dipendenza del Regno Unito dai combustibili fossili.

“Non c’è ragione di pensare che i prezzi dell’energia scenderanno presto – il mercato suggerisce che i prezzi alti saranno qui per i prossimi 18 mesi o due anni”, ha detto alla BBC mercoledì mattina.

“Mentre ci muoviamo verso lo zero netto, il gas è un grande combustibile di transizione, così come si spengono le centrali a carbone in altri paesi, c’è più domanda di gas, ma non c’è un’abbondanza di gas che si può semplicemente accendere velocemente”.

La previsione potrebbe rivelarsi devastante per le famiglie britanniche, che affrontano una crisi del costo della vita dopo un aumento record delle bollette energetiche questo inverno a causa della crisi globale del gas. L’aumento del costo dei combustibili fossili ha anche portato a prezzi record alla pompa e potrebbe alimentare l’inflazione crescente in tutta l’economia nei prossimi mesi.

O’Shea ha detto che è “inconcepibile” che il governo e i fornitori di energia non agiscano per proteggere le famiglie dall’aumento delle bollette energetiche, che potrebbero raggiungere una media di 2.000 sterline entro aprile. Ha ripetuto le richieste dell’industria per il governo di rimuovere l’aliquota IVA del 5% dalle bollette energetiche, spostare le tasse verdi nella tassazione generale e rinviare le spese prese attraverso le bollette energetiche per coprire il costo di una serie di recenti crolli dei fornitori.

In Italia è il ministro dello sviluppo economico Giorgetti che, parlando degli interventi proposti dalla Lega per le bollette energetiche, ha confermato che il governo sta lavorando per tassare le extra-marginalità delle società energetiche che in tal modo contribuirebbero alla fiscalità generale per sostenere le categorie più svantaggiate.